Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Ambiente > Natura e Dintorni > Solo bagaglio a mano: l’elogio dell’essenziale di Gabriele Romagnoli

 mercoledì 31 agosto 2016

RECENSIONE

Solo bagaglio a mano: l’elogio dell’essenziale di Gabriele Romagnoli

di Tiziana Santoro


alt

Giornalista e scrittore, Gabriele Romagnoli rimane impressionato da un articolo letto sul “Financial Times”. Stando alle testimonianze, la Corea del Sud vantava un numero spropositato di suicidi, tanto che alcune aziende, come la “Samsung” e “Allianz”, avevano pensato di offrire ai loro dipendenti un “giorno da morti”, chiusi in una bara, per scoraggiare gesti estremi e indurli a rivalutare la vita. Romagnoli atterra in Corea e decide di fare anche lui la “bizzarra” esperienza. Così, nasce “Solo bagaglio a mano”: “un piccolo manuale di resistenza umana”, “il prologo alla creazione di una nuova specie: più leggera, mobile, che sfugge a ogni schema”, “che rivoluziona. Una generazione capace di scegliere sempre la libertà, di consumare solo il necessario”. Quello affrontato da Romagnoli, steso in una bara di legno, è un percorso di riflessione che guarda alla vita più che alla morte, un allenamento, una preparazione e un antidoto alle separazioni, ai cambiamenti, alle idee preconfezionate, ai luoghi comuni, agli insuccessi. Un inno alla vita, ma anche un nuovo cannocchiale attraverso cui mettere a fuoco solo ciò che conta, realmente. Quella di Romagnoli è una scrittura razionale, lucida e puntuale, che si destreggia entro la metafora della vita/viaggio con tutte le sue complessità.

Lo scrittore è immerso nelle problematiche sociali del suo tempo, nella sensibilità di chi vive e si destreggia con le aspettative, le ambizioni personali, la superficialità delle relazioni, la rigida gestione dell’essere entro i limiti del tempo e dello spazio. La grande valigia, diventa, così, metafora di tutto ciò che nella vita di ognuno è “fuori misura”. Nel corso del racconto, Romagnoli esorta al rispetto di poche e semplici regole, necessarie per vivere in libertà. Il bagaglio a mano – sostiene l’autore – rivela il superfluo, contiene ciò che, realmente, vogliamo e che ci occorre. Il bagaglio deve essere “leggero, maneggevole, veloce”. L’interno del bagaglio, funzionale e ricco di scomparti per reperire, rapidamente, ciò che ci occorre e di zip per preservare ciò a cui teniamo. “Nel bagaglio a mano” di Romagnoli non c’è posto per le illusioni, per le aspettative, per i sensi di colpa, per le ambizioni verticali, per i ricordi e il senso di possesso. La parola d’ordine è “disfarsi” e nutrire la consapevolezza di aver avuto abbastanza: “Se hai avuto abbastanza, prenditi la vita e portala a spasso, per mano, con tutto l’amore che resta”. Insomma, un Libro che è un vero e proprio elogio alla vita e un prontuario di consigli utili e di esortazioni: “Impara a vivere come una farfalla: non scava terre, non arreda nidi, non ha casa. È libera e leggera. È libera, perché è leggera”.

Prosegue Romagnoli, “Realizzare la sineddoche di se stessi è un obiettivo virtuoso. Significa tendere ad uno, autoridursi nello spazio, concedersi meno tempo: essere, non ingombrante”. Ma soprattutto, occorre rendersi “bersagli mobili”, senza incancrenire la propria esistenza, non limitarla al tempo, allo spazio, perché muoversi significa ampliare la propria visione, lasciare che le certezze crollino, perché le cose umane (anche le parole e le emozioni) sono relative, mutano in base ai tempi e alle latitudini. Trovano spazio, nel Racconto di Romagnoli, i limiti della nostra società che ha finito per confondere “gli amici” con “i contatti” e allevare generazioni di disoccupati disposti a barattare “affetti, stimoli, fiducia e libertà” con l’eredità accumulata dai genitori per loro. Tra le avvertenze da tenere in conto vi è quella di “vivere una vita per volta”, operando scelte ad ogni bivio, preferendo allo psicanalista che lavora sui traumi “uno speleologo di felicità sepolte”. Tuttavia, se accumulare – in un ottantennio – appena 46 ore di felicità e 228 per l’igiene personale ci sembra poca cosa, ammonisce Romagnoli: “pensiamo anche a come regalare a qualcuno 47 ore di felicità”, dedicandoci un po’ alle persone che amiamo. In un Racconto che non lascia spazio alle certezze, l’unica certezza è che “si sposa la vita in ricchezza e in povertà” e che “siamo sempre pronti per rinascere”.


 


Altre Notizie su

Ambiente > Natura e Dintorni






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839