Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Nazionali > Notte da incubo per il Centro Italia distrutto dal terremoto

 mercoledì 31 agosto 2016

24 AGOSTO 2016

Notte da incubo per il Centro Italia distrutto dal terremoto

di Maria Schillaci


alt

Erano le 03.36, nessuno poteva mai immaginare l’incubo di quella notte del 24 agosto, di quelle ore, minuti..., un terremoto di magnitudo 6.0 ha distrutto i comuni di Amatrice e Accumoli, in provincia di Rieti, Arquata, in provincia di Ascoli Piceno, e la sua frazione Pescara del Tronto, spezzando troppe vite, improvvisamente. Le vittime finora accertate sono 293. La Croce Rossa Italiana, insieme alla Protezione Civile e a tutti i soccorsi nazionali, sono subito intervenuti con aiuti materiali e supporto psicologico, per aiutare, costantemente, le vittime superstiti della tragedia. Le unità cinofile, con i loro cani davvero speciali, hanno aiutato, enormemente. Le persone rimaste senza nulla sono 2.925, senza un tetto e destinate, quindi, alle tendopoli. Sembra di vedere un film drammatico accendendo la tv, si susseguono tremende immagini di distruzione, di dolore troppo grande che lacera chiunque veda ed ascolti i racconti dei superstiti. Purtroppo, però, non c’è nessuna regia dietro, se non un tragico destino. Da ogni singola parte d’Italia è arrivato il calore, l’amore espresso verso le vittime del sisma, con innumerevoli donazioni, raccolte di cibo e beni di essenziale importanza. In tv e nei social network si è diffuso a macchia d’olio il “45500”: numero per poter mandare un sms, donando soli 2 euro alle popolazioni colpite da questo dramma.

Spiccano, particolarmente, le storie di chi è riuscito a salvarsi, di eroi, come la piccola Giulia, che ha fatto da scudo con il suo corpo alla sorellina Giorgia, dando la sua stessa vita, per proteggerla. Luigi, uomo cieco dalla giovane età di 23 anni, che è riuscito a salvare la moglie Ernestina e la sua cagnolina-guida. Una nonna che ha salvato i nipotini mettendoli, prontamente, sotto il letto. Anche una gatta è stata recuperata dopo ben 6 giorni sotto le macerie, un vero miracolo. Sono tantissime le storie, i miracoli di chi possiede ancora il prezioso bene della vita. Il 30 agosto 2016, alle ore 18,00, sono stati celebrati i funerali ad Amatrice, tra il dolore del sindaco, dei parenti delle vittime sotto una pioggia battente, come se anche il cielo mostrasse le sue lacrime. Erano presenti alcune autorità: Mattarella, Renzi, Boldrini. Il vescovo, Domenico Pompili, ha affermato che ad uccidere sono le opere dell’uomo e non i sismi, che la ricostruzione deve far rivivere il meraviglioso patrimonio verde, terra di pastori, proteggendone gli abitanti e non deve diventare una questione politica o di sciacallaggio.

Il presidente Renzi ha rassicurato gli amatriciani dicendo loro, calorosamente, che non verranno lasciati soli e che il governo è con loro. I palloncini bianchi rappresentavano i tanti piccoli angeli che son volati in Cielo, tra le braccia di Dio. Questo sisma, che ha causato una devastante tragedia, fa pensare a quanto possa essere fragile e preziosa, al tempo stesso, la vita... un dono che va vissuto con la consapevolezza che ogni suo respiro, sensazione, ogni piccolo gesto che facciamo, quotidianamente, ha un’importanza incredibile. Dobbiamo continuare a stringerci tutti forte intorno ad Amatrice, a tutte le zone colpite da questa catastrofe, come se volessimo formare un grande abbraccio, una catena fatta d’amore pronta ad accarezzare tutti gli animi pieni di dolore.


 


Altre Notizie su

Notizie > Nazionali






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839