AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Media > 24° Anniversario dell'uccisione di Rosario Livatino – Giudice “Ragazzino”

 sabato 20 settembre 2014

VITTIMA DELLA MAFIA

24° Anniversario dell'uccisione di Rosario Livatino – Giudice “Ragazzino”

di Rosario Lo Faro


alt

Tra le tantissime vittime della mafia che, già, nei primi del Novecento, soccombevano sotto i colpi di criminali senza scrupoli, è doveroso ricordare il giudice Rosario Livatino, ucciso il 21 settembre 1990, mentre si recava al tribunale di Agrigento, proveniente da Canicattì, dove vi nacque il 3 ottobre del 1952. Laureatosi col massimo dei voti e lode in giurisprudenza, all’età di 22 anni entrò in magistratura e, grazie alla sua determinazione e coraggio, si impegnò, attivamente, in inchieste sulla mafia dell’agrigentino, di Porto Empedocle e di Palma di Montechiaro.

Il “giudice ragazzino”, così fu denominato per la sua giovanissima età, venne trucidato dagli ‘stiddari’, uomini appartenenti ad un’organizzazione mafiosa e il cui nome veniva affidato a coloro i quali, appunto, “dormivano sotto le stelle”. Gli esecutori dell’omicidio furono condannati all’ergastolo. I loro nomi, Paolo Amico, Domenico Pace, Giovanni Avarello e Gaetano Puzzangaro, vennero individuati grazie al super testimone Pietro Ivano Nava, di Sesto San Giovanni, che vide la disperata fuga a piedi del giudice nella campagna dove uno dei sicari lo raggiunse sparandogli, ancora, per finirlo. Il 16 ottobre 2001 la Cassazione confermò la condanna all’ergastolo per Salvatore Gallea e Salvatore Calafato accusati di essere i mandanti dell’omicidio.

Un processo canonico, istituito dalla curia di Agrigento, è, ancora, in atto e lo stesso Papa Giovanni Paolo II lo definì martire della giustizia e, indirettamente, della fede. Grande onore a questi italiani che hanno creduto ad una giustizia vera e patriottica, consapevoli di condurre battaglie verso un sistema che, certamente, li avrebbe condotti alla morte. La cosa certa è che il loro credo ha lasciato un segno indelebile alla lotta per la libertà sociale dell’individuo.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Media






 
Sostenitori
 
 
© 2011/20 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839