Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Sociale > Istruzione > Una chiacchierata nel “backstage” del Liceo “Seguenza” con la preside Maria Rosaria Mangano

 giovedì 14 luglio 2016

L’INTERVISTA

Una chiacchierata nel “backstage” del Liceo “Seguenza” con la preside Maria Rosaria Mangano

di Maria Schillaci


alt

Martedì 12 luglio, prima della Donazione del Busto di Umberto I al Forte “Cavalli”, prevista nell’Aula Magna del Liceo Seguenza, ho avuto la possibilità, grazie alla gentilezza della preside Maria Rosaria Mangano, del prof. Enzo Caruso, addetto alle comunicazioni del liceo, di poter incontrare, appunto, la stessa preside dell’Istituto e farle un’intervista. In quei minuti, è emersa la personalità gentile, molto simpatica, saggia della dott.ssa Mangano, e cosa meravigliosa, il suo essere dalla parte dei ragazzi, del liceo e non solo, mirando alla loro crescita non solo intellettuale, ma soprattutto, umana. È stato un piccolo “viaggio” dentro il cuore di una preside, che sta per andare in pensione ed ha lavorato tanto, con impegno, forza, determinazione, simpatia, creando uno splendido legame con il corpo docente, con i ragazzi... e quando si lavora così, si raccolgono sempre i frutti migliori. Andiamo a scoprire cosa ci ha raccontato.

Gentile dott.ssa, può raccontarci cosa ha provato nel momento in cui è diventata preside? Era per lei un sogno?

Son passati talmente tanti anni, sono preside da 24 anni, non ricordo molto bene. Certo, ero molto contenta, perché avevo raggiunto un obiettivo, per il quale avevo lavorato.

Può parlarci degli obiettivi, dei desideri, pensati per il suo “Liceo Seguenza” e di come li ha raggiunti?

Mi sono posta diversi obiettivi, nei primi mesi in cui sono stata al “Seguenza”. All’inizio bisogna conoscere una scuola, vedere quali sono i bisogni di quest’ultima. Una delle cose che ho affrontato, che può sembrare banale è il problema dei locali, “tormentone” della nostra scuola, perché sono risultati insufficienti, mal tenuti. Quindi il miglioramento dell’ambiente, l’acquisto di materiale didattico, laboratori che abbiamo fatto in notevole quantità in questi anni e anche problemi della sicurezza. La prima cosa è stata di natura logistico-ambientale. Naturalmente, mi sono preoccupata anche dell’aspetto didattico, per cui noi, da diversi anni, lavoriamo per competenze, dell’apertura di nuovi indirizzi per rispondere alle esigenze di una società che cambia e che vuole offrire nuove opportunità ai ragazzi, tra cui il liceo artistico, uno dei nuovi indirizzi insieme al linguistico e alle scienze applicate. L’artistico è una novità, sono cinque in tutta Italia, oltre a quello di Roma. È un artistico particolare, multimediale, perché legato alla fotografia ed al cinema. Conseguentemente, ci si confronta anche con il territorio, le aziende, enti culturali... poiché queste cose non si realizzano da sole, bisogna relazionarsi con le istituzioni, università ecc.

Come è nata l’idea della realizzazione del busto di Umberto I, dono dei ragazzi del Liceo, per il Museo Storico di Forte “Cavalli”?

Il prof. Caruso, insegnante del nostro liceo, cultore di studi storici, è anche direttore del Forte. Dalla programmazione che si fa a scuola, è nata questa specie di accordo, di idea tra lui ed il prof. Dieni, che l’anno scorso era insegnante di materie classiche della scuola, cioè la scultura: fare qualcosa per il Forte “Cavalli”, però, facendo nascere l’idea dall’attività didattica, dai ragazzi, ed in particolare, dal professore. Gran parte del lavoro è fatto da lui e lo ha completato, tornando appositamente a scuola, per concluderlo. È stata , quindi, anche un’idea di collaborazione con enti culturali come il Museo ed insegna ,visivamente, un pezzo di storia.

Può raccontarci un ricordo dei suoi anni come preside, cui è particolarmente legata?

Ce ne sono tanti. Le racconto l’ultimo. Giorni fa, ho fatto una piccola festicciola qui, di pensionamento, ovviamente, mi hanno fatto dei regalini. Forse, il regalo più bello è stato un video che mi hanno mandato i miei ragazzi, un gruppo di “mascalzoni” ( c’è stata una risata generale, dopo questo simpatico aggettivo detto con affetto dalla preside!) che studia a Milano. Loro hanno saputo del pensionamento e mi hanno mandato questo video in cui mi dicevano delle cose nostre, perché avevano combinato delle marachelle. Erano un gruppo di cinque-sei alunni, tra cui la Miss Italia, Giulia Arena, che era una nostra alunna “discola”, un “capo-popolo” qui. Questa cosa mi ha fatto molto piacere perché significa che il legame che si è stabilito in questi anni, aveva senso, insomma, non era strumentale.

Può dare un messaggio a tutti i lettori di “FiloDirettoNews”?

Non saprei, non sono un guru. Forse, un messaggio potrei darlo ai ragazzi, che sono, spesso, disorientati, scoraggiati, gli consiglierei lo studio ed il lavoro, checché se ne dica, “paga”. Quindi, di essere sempre pronti ad impegnarsi, a mettersi in gioco. Questo mi sentirei di dirlo. Crearsi delle basi culturali, è importante, in tutti gli ambiti.


 


Altre Notizie su

Sociale > Istruzione






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839