Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Sociale > Associazionismo > Antonio Canepa, eroe dimenticato

 martedì 21 giugno 2016

DICCI LA TUA

Antonio Canepa, eroe dimenticato

di Redazione


alt

Domenica 19 giugno, come avviene da diversi anni, l’Associazione Culturale “La Sicilia ai Siciliani” di Messina ha deposto una corona di fiori sul cippo eretto in Contrada Murazzu Ruttu (Randazzo) in ricordo di Antonio Canepa, Carmelo Rosano, Giuseppe Lo Giudice martiri siciliani facenti parte dell’E.V.I.S. (Esercito Volontario per l’Indipendenza della Sicilia) di cui Canepa era comandante. Il monumento e le lapidi ricordano anche Francesco Ilardi, morto in uno scontro a fuoco qualche giorno dopo l’eccidio di Murazzu Ruttu. Molti, forse, non sapranno chi era Canepa e cos’era l’E.V.I.S. in quanto la storia racconta solo certe verità. Verità che tendono a inneggiare personaggi ai quali si sono dedicate vie come eroi ma che oggi mostrano sempre più un lato oscuro, tanto da somigliare sempre più a carnefici per la nostra Sicilia.

Ma chi era Canepa? Laureato in legge si recò a San Marino dove tentò insieme agli abitanti di organizzare un colpo di stato contro il potere fascista. Arrestato fu poi rilasciato. Nel 1937 ottenne la cattedra di “Storia delle dottrine politiche” all’Università degli Studi di Catania. Dopo l’inizio della seconda guerra mondiale entrò in contatto i servizi segreti britannici e la notte del 10 giugno 1943 attuò con successo un attentato all’aeroporto di Gerbini in cui neutralizzò caccia tedeschi, distrusse bombe, armi e munizioni e dando così la possibilità agli anglo-americani di non trovare resistenza in quella zona dopo lo sbarco. Successivamente si recò nelle zone tra Abruzzo e Toscana per aiutare i partigiani. Dopo aver conseguito la liberazione dai nazi-fascisti rientrò in Sicilia per continuare la sua lotta per l’indipendenza della Sicilia. Lotta iniziata anche culturalmente nel dicembre del 1942 con la pubblicazione, con lo pseudonimo di Mario Turri, dell’opuscolo “La Sicilia ai Siciliani” (nome al quale si ispira la nostra Associazione) che fu il manifesto della sua idea: egli riteneva che l’indipendenza della Sicilia fosse il mezzo per l’emancipazione delle classi popolari.

Nel 1945 costituì l’Esercito Volontario per l’Indipendenza della Sicilia che si contrapponeva alle forze militari che occupavano l’isola e che avrebbe dovuto condurre la Sicilia insieme al M.I.S. (Movimento per l’indipendenza della Sicilia) all’indipendenza. Non riuscì a portare a compimento il suo ideale politico di liberazione perché la mattina del 17 giugno 1945 fu ucciso insieme ad alcuni militanti dell’E.V.I.S. in un agguato teso dai carabinieri in contrada Murazzu Ruttu a Randazzo, dove oggi sorge un monumento commemorativo a loro dedicato. Antonio Canepa oggi è sepolto, insieme a Carmelo Rosano, Giuseppe Lo Giudice e Francesco Ilardi, nel cimitero di Catania nel viale degli Uomini Illustri.

Libri di Antonio Canepa nelle Università siciliane:

L’URSS sulle vie delle Indie [1941] - Dipartimento seminario giuridico Università di Catania

L’organizzazione del PNF - Facoltà di Scienze Politiche e Facoltà di Economia [Catania]

Sistema di dottrina del fascismo - Facoltà di Scienze Politiche e Facoltà di Economia [Catania]

Sistema di dottrina del fascismo - Polo didattico [Trapani]

Gli studi italiani sulla dottrina del fascismo nel quinquennio XII-XVI - Facoltà di Giurisprudenza [Palermo]

Lettera inviata dal direttivo dell'Associazione “La Sicilia ai siciliani


 


Altre Notizie su

Sociale > Associazionismo






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839