Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Sociale > Come spada di Damocle > Com’è cambiata la figura dello “scafista”

 martedì 24 maggio 2016

MIGRAZIONE CLANDESTINA

Com’è cambiata la figura dello “scafista”

di Olga Cancellieri


alt

Figura odiatissima quella dello “scafista” perché è colui che conduce in cambio di molti soldi, spesso i risparmi di intere vite, dalle coste africane centinaia di profughi disperati, nelle coste italiane, ultimamente sempre più siciliane. Si arricchisce sulla “pelle” e non solo in senso figurato, delle persone, visto che non tutti i passeggeri arrivano a destinazione, ma spesso muoiono prima per le condizioni disumane in cui sono costretti ad affrontare i giorni di viaggio in mare, senza cibo né acqua per giorni, spesso esposti alle esalazioni di monossido di carbonio nelle stive, stipati gli uni sugli altri, o per le condizioni climatiche avverse. Di tale fenomeno si parla da almeno trent’anni ma senza trovare mai una vera soluzione, alimentando anzi diffidenza e pregiudizi. La migrazione clandestina oggi è molto cambiata. Intanto essa avviene, nella maggior parte dei casi dalla Libia, ormai “terra di nessuno” le cui coste sono assai vicine a quelle italiane, le mete preferite oltre all’ormai famosa Lampedusa, sono Messina, Palermo, Reggio Calabria, per poi continuare la fuga verso paesi europei più promettenti: Germania, Inghilterra, Belgio.

Gli sbarchi avvengono in media, uno ogni dieci giorni, almeno quelli che vengono intercettati dalle nostre Forze dell’Ordine. I migranti provengono da ogni parte dell’Africa: Senegal, Sudan, Siria, Mali. Si fugge da un paese in cui infuria la guerra, da terre oppresse da dittature, piegati da crisi economiche senza possibili soluzioni di ripresa nel breve o medio termine. Ma, si diceva, anche l’odiata figura dello “scafista” oggi è molto diversa. Sempre più spesso, soprattutto sulla rotta dalla Libia alla Sicilia, al timone di gommoni e carrette del mare c’è un migrante che non aveva i soldi per pagarsi la traversata, oppure chi la traversata l’ha già pagata (ricordiamo che il costo del viaggio varia molto in base a nazionalità, età e posizione sul barcone), scelto a caso perché magari più giovane, o in forma o più sveglio di altri, e che viene minacciato con una pistola alla tempia, oppure gli minacciano di uccidere la famiglia, se non tiene il timone fino alla destinazione.

Spesso qualcuno viene ucciso e buttato in mare, per convincere i passeggeri che “si fa sul serio”. Il nuovo scafista, quindi, non è più chi lucra coi “viaggi della speranza” ma chi viene posto sotto la minaccia terribile della propria vita o di quella dei propri cari, a cui viene affidata una bussola e il timone e gli viene detto: “Devi tenere la rotta fino a lì, se sbagli morite tutti!”. Spesso, infatti, l’improvvisato “scafista” non ha idea del mare o di come si guidi un’imbarcazione, ma deve provare a condurla a destinazione per non morire. Mentre, invece, chi il viaggio se l’è fatto pagare caro e salato neanche sale sul barcone, se non per un attimo, resta al “sicuro” con le tasche piene di denaro contante che si è fatto elargire in cambio di una minima speranza di vita. Costui è oggi difficile per non dire impossibile da individuare, fermare, perseguire.

Resta invece lo “scafista” che oggi è solo colui che, suo malgrado, si è trovato all’improvviso a timonare, che non ha guadagnato nulla da tale viaggio, se non, a volte, la traversata gratis, non ha idea di nulla, che non parla l’italiano, e a stento l’inglese o il francese. Che al momento dell’approdo nelle nostre coste si trova accusato di aver posto in essere il reato di cui all’art. 12 comma 3 bis in relazione al comma 3 lett a, b, c, Dlgs 286/98, 110 c.p., posto in stato di fermo nella nostra Casa Circondariale dove rimane per mesi, finché non si dimostra, se si riesce a farlo, la sua estraneità ai fatti contestati. Intanto chi da questa situazione trae vantaggio si arricchisce ogni giorno di più.


 


Altre Notizie su

Sociale > Come spada di Damocle






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839