AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Media > AUMENTI E RINCARI: MA DOVE ARRIVEREMO?

 mercoledì 25 luglio 2012

POLIZZA, RC AUTO

AUMENTI E RINCARI: MA DOVE ARRIVEREMO?

di Redazione


alt

È, davvero, deprimente constatare che, ormai, mantenere un’auto è diventato un vero e proprio lusso.

Quello che è un mezzo indispensabile per la quotidianità è, ormai, sottoposto a delle tassazioni davvero insostenibili.

Aumenta tutto in modo irrefrenabile, per ciò che riguarda i consumi di tale mezzo, così, il prezzo del carburante lievita, continuamente, per non parlare della manutenzione, della tassa di proprietà, dei materiali di consumo che sono soggetti a continue tassazioni e, non ultimo, l’aumento dell’IVA.

Qui, di seguito, riportiamo una nota di due associazioni consumatori che ci elenca l’aumento “sconsiderato” dell’assicurazione obbligatoria.


Rc Auto: AUMENTI IRREFRENABILI, IN 10 ANNI, + 98%

I costi per assicurare la propria vettura sono cresciuti in dieci anni, tra il 2001 e il 2011, “di ben il 98%”, di cui il 30% solo negli ultimi 2 anni. È la denuncia di Adusbef e Federconsumatori che rendono noti i loro calcoli, dopo, quelli dell’Antitrust. “Confrontando i rincari con le tariffe applicate nel 1994 si raggiunge un incremento di oltre il 186%. Una crescita continua e irrefrenabile, confermata anche dai dati di quest’anno che – affermano le associazioni – registreranno una nuova crescita media di oltre il 12%”. Si tratta di una crescita “inaccettabile”, che “non ha alcuna giustificazione”, soprattutto, se si guarda ai dati sull’incidentalità, “dal 2001 ad oggi diminuita del 22%”. “È ora di porre un freno a quest’andamento. Dopo la denuncia anche da parte dell’Antitrust – proseguono i consumatori –, ora, ci aspettiamo risposte e interventi immediati per incrementare la trasparenza e, soprattutto, la competitività in questo settore, nel quale, purtroppo, è ancora, estremamente, limitata.

Questo attraverso il potenziamento del ruolo degli agenti plurimandatari, indispensabile per un abbattimento dei costi e con la modifica del meccanismo del bonus malus”.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Media






 
Sostenitori
 
 
© 2011/20 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839