Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Nazionali > A Don Bosco: Giù dai Colli un dì lontano...

 venerdì 29 gennaio 2016

L’INNO

A Don Bosco: Giù dai Colli un dì lontano...

di Alfonso Saya


alt

Lo scorso anno, si sono festeggiati i duecento anni dalla nascita del Santo torinese. Il 31gennaio, è la Sua festa religiosa, che coincide invece, con il giorno della morte, che la Chiesa chiama “dies natalis”, ovvero, giorno della nascita, poichè si rinasce alla vita eterna. Quest’Inno, davvero toccante, è stato composto a Valsalice, così si chiama la collinetta che domina Torino, e prende il nome dai numerosi salici piangenti che la adornano. Su questa collinetta, sorge la Casa per definizione, dei Salesiani, perchè quì vive, davvero, lo Spirito di don Bosco. Qui si respira la Tradizione Salesiana, fatta di memorie e di ricordi. In questo luogo vi è il Mausoleo dove don Bosco fu seppellito e vi rimase per ben 41 anni, fino al 1929, quando il suo venerato Corpo fu traslato a Valdocco (TO).

La vigilia di quel fausto giorno, fu composto l’Inno “Giù dai Colli un dì lontano...”. La discesa, difatti, dal colle, fu seguita da una marea di folla che si divideva in due ali per far passare il Corteo da Valselice a Valdocco, seguito dai fedeli. A Valselice, don Bosco ha trascorso gli ultimi giorni della sua Santa vita, passeggiando per quei vialetti circondati dal verde, in carrozzella, non più sostenuto dalla salute ma assai lucido mentalmente. Proprio allora pronunciò una profetica frase: “Starò quì, alla custodia di questa casa”. All’ingresso dell’Istituto, c’è una lapide con su scolpita questa frase. Il direttore dell’Istituto, difatti, dice: “Sentiamo la presenza di Don Bosco in maniera assai forte”.


 


Altre Notizie su

Notizie > Nazionali






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839