Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Polizie e Forze Armate > Luigi Rizzo, l’eroe pluridecorato della Marina Militare

 martedì 10 giugno 2014

UOMINI ILLUSTRI

Luigi Rizzo, l’eroe pluridecorato della Marina Militare

di Aldo Martino


alt

È doveroso ricordare, a parere dello scrivente, il pluridecorato eroe della nostra Marina Militare, ammiraglio Luigi Rizzo. Nato a Milazzo, in provincia di Messina, l’8 ottobre 1887, ivi morì il 27 giugno del 1951. Figura eroica dette onore e vanto, non soltanto, alla nostra terra di Sicilia, ma anche a tutto il mondo.

Sembra giusto accostare questa figura d’intrepido eroe a quella di tanti illustri italiani che contribuirono all’unificazione del nostro Paese. Sembra strano come le gesta dell’ammiraglio Rizzo non siano state ricordate con i dovuti riconoscimenti. A suffragare le motivazioni per le quali sarebbe più che doveroso rendere onore alla memoria di questo eroe, si possono citare alcune delle più importanti imprese da lui stesso compiute. Il 9 e il 10 dicembre del 1917 egli guidò con ardimento l’operazione nella rada di Trieste che portò all’affondamento della corazzata austriaca Wien. Nel febbraio del 1918 fu protagonista con Gabriele D’annunzio ed il conte Costanzo Ciano nell’operazione nota come la “Beffa di Buccari” che portò all’affondamento di quattro piroscafi.

Nella notte del 10 giugno 1918 fu, nuovamente, in azione presso l’isola di Premuda, dove con incredibile audacia affondò la corazzata austriaca Santo Stefano. Nel 1936 partecipò come volontario al conflitto italo/etiopico. Nel settembre del 1943 impedì ai tedeschi di impossessarsi dei transatlantici e piroscafi italiani ordinandone il sabotaggio. Dalle varie operazioni compiute e dal suo comportamento, per grandi linee, si evince un grande rigore morale unito ad una profonda dedizione patriottica che caratterizzò sempre l’uomo, nonché l’eroe Luigi Rizzo al quale venne anche concesso il titolo di conte di Grado.

Non a caso oggi, soprattutto, noi siciliani dovremmo con grande impegno promuovere un meritato riconoscimento attraverso l’emissione di un francobollo commemorativo delle sue intrepide azioni. Non si può, infine, ricordare che Luigi Rizzo è stato decorato con ben 34 medaglie d’oro; 5 d’argento; 4 di bronzo; 15 targhe d’argento; 50 croci al merito e parecchie decorazioni onorarie.

È giusto, quindi, annoverare l’ammiraglio Luigi Rizzo tra i “grandi uomini illustri” che furono onore e vanto per la nostra Patria.


 


Altre Notizie su

Notizie > Polizie e Forze Armate






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839