Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Sociale > Salute e Benessere > Influenza: consigli utili per assistere i bambini

 giovedì 26 novembre 2015

SALUTE

Influenza: consigli utili per assistere i bambini

di Domenica Timpano


alt

L’influenza, come sottolinea il rapporto Influnet, con l’arrivo del freddo, ha cominciato a colpire i soggetti più deboli in quasi tutte le regioni, anche se non ha ancora assunto un carattere epidemico. A subire le conseguenze sono soprattutto i bambini compresi nella fascia di età 0-4 anni. Mentre l’incidenza complessiva sugli altri soggetti è pari a 0,78 casi su mille assistiti, nei bambini sale a 2,61 casi. Il direttore del dipartimento di Pediatria internistica dell’ospedale pediatrico Meyer di Firenze, dott. Maurizio de Martino, ha stilato un decalogo, che di seguito si riporta integralmente, al fine di fornire utili consigli ai genitori per meglio assistere i piccoli mantenendo sempre e comunque i dovuti rapporti con il medico di base o il pediatra che li ha in cura.

1. Per la misurazione impiegare solo il termometro elettronico digitale e solo sotto l’ascella: è lo strumento migliore di misurazione della temperatura corporea. La via rettale è causa di sconforto e anche di incidenti

2. Far visitare in giornata il lattante febbrile, perché è frequente la possibilità di infezione batterica grave

3. Se la febbre non si abbassa non intestardirsi con l’antibiotico: non sempre la causa è un’infezione

4. Rispettare le dosi di medicinale prescritte dal medico o indicate sul foglio illustrativo

5. Rispettare i tempi di assunzione indicati dal medico, senza prolungarli o accorciarli

6. 90 minuti: questo è il tempo massimo entro il quale deve essere atteso l’effetto dell’antipiretico

7. La via di somministrazione migliore è sempre quella orale, salvo casi rari

8. No ai “rimedi della nonna”: spugnature, ghiaccio, o pezzette sono non solo inutili (la febbre è un innalzamento centrale e non periferico della temperatura corporea), ma anche controproducenti: causano brivido e quindi innalzamento della temperatura e malessere nel bambino

9. La crescita dei dentini non provoca febbre: non esiste cioè la febbre da eruzione dentaria.

10. Attenzione alla malaria se il bambino febbrile è di ritorno da un Paese nel quale è in corso endemia malarica


 


Altre Notizie su

Sociale > Salute e Benessere






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839