AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Recensioni > Alfonso Saya – Canti d’amore

 domenica 18 ottobre 2015

RECENSIONE

Alfonso Saya – Canti d’amore

di Redazione


alt

Mi ha commosso una bellissima lettera dell’arcivescovo emerito di Messina, mons. Giovanni Marra, a cui ho donato la mia silloge di poesie, “Canti d’amore”. Mi scrive testualmente il Presule: “Un libro che si sfoglia con piacere, perché, con immagini e poesie, racconta, anzi canta l’amata Messina, la Madonnina del Porto, la Fede e le tante persone che hanno Servito, con passione la Città. È un libro, memoria storica della città, capace di far rivivere nel mio animo, tanti ricordi e suscitare commozione”. Di seguito la recensione di Alessandro Corsi.

Come il flusso generoso di acqua fresca che dalla naturale sorgiva si apre all’uomo per donargli ristoro, così l’arte poetica di Alfonso Saya si fa arco, con semplicità e purezza di intenti, nell’animo umano. I suoi versi, pigolii, garbati richiami alle rigorose realtà e verità quotidiane, dai contenuti ricchi di valori culturali, umani e religiosi. La ricerca della verità, a costo anche di incomprensibili rivalse è, senza dubbio, il suo più grande ideale. Il poeta non striscia ma si eleva dalla terra e interpreta gli eventi con l’intelligenza del sentimento. I versi di Alfonso Saya sono pennellate che raffigurano situazioni, paesaggi, gesti, moti dell’animo, protesi alla conoscenza e alla riscoperta della bellezza e della genuinità delle cose. Amore, Bontà, Purezza, Vita, Creato, Cielo sono i temi dominanti che colorano, danno vita e fecondità ai suoi scritti. Nelle sue liriche emergono toni e ritmi freschi, impregnati del gusto del bello e del più sublime amore. Un pò di malinconia (quale poeta ne scampa) scorgiamo in “Guardo il cielo stasera”. Qui il poeta, in una nitida sera trapuntata di stelle che “brillano fiamme d’amore”, si affligge perché “questo triste, opaco pianeta del male, non alza gli occhi al cielo e non vede le cose belle che sono le luci di Dio”.

Ne “la violetta bruna, frasca, odorosa, vellutata” che parla all’anima di “virtù semplici oggi ignorate” , nel “Sentiero di Isaia”, ricordando uno dei profeti maggiori, principe dell’Antico Testamento, canta al mondo, il suo sogno: “Cadono i muri/cadono gli egoismi/le paure/spunta un mondo senza frontiere/spunta una nuova civiltà…/fiorirà la pace…”. Sogna il poeta, un mondo senza odio né egoismi, illuminato dall’amore e dalla pace. Molte altre cose resterebbero da dire ancora di questo concittadino poeta ma lo spazio è tiranno. Una cosa, però possiamo affermarla: Alfonso Saya va letto, perché i suoi versi sono ossigeno alle più intime fibre dell’anima; va amato perché tenero come un bambino ed efficace per la sua esperienza giornalistica e didattica, elogiato per la sua tenacia, la sua schiettezza e per l’amore che egli porta ai fatti dell’Arte, della Cultura e della Storia della sua Messina.

Alessandro Corsi


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Recensioni






 
Sostenitori
 
 
© 2011/19 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839