AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Media > L’Uomo della Sindone è davvero Gesù Cristo?

 domenica 12 luglio 2015

MISTERI

L’Uomo della Sindone è davvero Gesù Cristo?

di Alfonso Saya


alt

La risposta a questa domanda non può non essere positiva, tutto lo fa ritenere, tutto fa pensare a Gesù Cristo. La sua Impronta rimanda alla sua Passione narrata dai Vangeli, per cui la Sacra Sindone è considerata il Quinto Vangelo visibile, è – al dire di San Giovanni Paolo II – lo “specchio e la conferma” dei quattro Vangeli. L’ipotesi contraria è scartata dalla maggior parte dei sindonologi e dagli scienziati cultori della precisione, i matematici, applicando il metodo delle probabilità. La storia scientifica della Sacra Sindone, inizia con la prima foto scattata dall’avv. Secondo Pia, che ha rivelato al mondo, meraviglia delle meraviglie, l’Immagine al positivo, di Gesù, ricavata dall’Impronta sensibilizzata come se fosse una pellicola fotografica. È iniziata, così – ripeto – la Storia scientifica della Sindone. Si è applicata la tecnica ultra perfezionata della NASA americana, e si è ottenuta un’immagine tridimensionale a rilievo.

Con l’elaboratore elettronico, si èottenuto il Volto di Gesù senza i segni della Passione che ha fatto sbalordire il prof. Giovanni Tamburelli, dell’Università di Torino, che ha esclamato, commosso: “Questo è Gesù Cristo!”. E, così, anche il dir. del Centro romano di “Sindonologia” assicura, al 99,99%, che la Sindone è proprio il lenzuolo in cui fu avvolto il Corpo di Cristo. Il giudizio positivo sulla Sindone non riguarda solo Gesù Cristo. Ha delle grandi implicazioni e riguarda tutti noi che ci troviamo di fronte a una Testimonianza irrefutabile della Veritàdella Fede cristiana: “Gesù è morto ed è Risorto”! Ha vinto la morte e vive con noi fino alla consumazione dei secoli come Egli ha detto! NON si possono prendere queste implicazioni alla leggera, con indifferenza. Dovremmo avere la Fede di San Carlo Borromeo che si mosse da Milano per andare a Chambery, dove allora si trovava la Sindone, per venerarLa, ma, per rispetto al santo vescovo, Emanuele Filiberto di Savoia, la fece trasportare a Torino dove ora si trova e dove si è recato in pellegrinaggio a venerarLa, Papa Francesco.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Media






 
Sostenitori
 
 
© 2011/20 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839