Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Nazionali > Attività del Gruppo Alpini di Messina all’Aquila

 giovedì 28 maggio 2015

ABRUZZO

Attività del Gruppo Alpini di Messina all’Aquila

di Ketty Settineri


alt

Il Gruppo di Messina all’Aquila si è dato da fare per curare i rapporti con le istituzioni e per riallacciare i vecchi legami alpini, l’ottantottesima adunata nazionale dell’“ANA” si è svolta da giovedì 15 a domenica 17 maggio, tre giornate piene di impegni e attività. Gli alpini che hanno raggiunto L’Aquila, da ogni parte d’Italia e del mondo, sono stati circa trecentomila, questo numero comprende anche i tanti familiari, gli amici degli alpini e tutta quella carovana di venditori e affini, che segue ormai da decenni gli eventi dell’“ANA”. La Sfilata di domenica 17 è iniziata alle ore 9,00 per concludersi oltre le ore 19,00, dieci ore per 2 chilometri e mezzo di percorso accompagnato ai lati da una folla festante che salutava e ringraziava. Presenti gli alpini in armi con la Bandiera di Guerra del 9° Reggimento “Alpini” e la Fanfara della Brigata Alpina “Taurinense”. Anche quest’anno, l’Adunata ha vissuto momenti assai toccanti, come l’arrivo della Bandiera di Guerra davanti alla Basilica di Collemaggio, gli onori al Labaro dell’“ANA”, con le sue 209 Medaglie d’Oro al Valor Militare e le miriadi di bandiere che hanno sfilato, come il coinvolgente Tricolore aquilano di 99 metri, realizzato dalla Sezione Abruzzi.


I messinesi sono stati presenti alla Santa Messa dedicata all’Esule e organizzata dalla Sezione Venezia e dai Gruppi “ANA”, di Fiume, Pola e Zara, che hanno aperto la Sfilata conclusiva dell’indomani, rinnovando la suggestiva tradizione inaugurata nel 1957 con il commovente striscione di don Luigi Stefani, il cappellano militare zaratino che ha lasciato segni importanti in tante nobili opere di volontariato e che volle onorare con quel ricordo, allora e sempre, gli alpini “vivi e morti” del Carnaro, della Dalmazia e dell’Istria. La Messa si è svolta nella Basilica di “Cristo Re”, con oltre 300 persone assieme agli alpini messinesi con il capogr. Giuseppe Minissale, il gen. Antonino Altadonna, Riccardo Ferrera (Gruppo di Catania) e Simone Giorgianni; l’Invito era stato formulato dalla dinamica coord. Laura Brussi Montani, esule da Pola, che li ha accolti e ringraziati.


Il sacro rito è stato celebrato dal canc. arcivesc. don Sergio Maggioni, arcid. del Capitolo Metropolitano, con l’ausilio del can. Sigismondo Prudlo; sentite le parole di vicinanza a tutti gli esuli presenti e lontani, compresi quelli “andati avanti”: tanto più degni, perché lasciarono la propria terra e quanto avevano di più caro “per restare cristiani e italiani”. Presenti i vessilli della Dalmazia, di Fiume, dell’Istria e dell’Ordine del Santo Sepolcro, unitamente a tanti vessilli e gagliardetti alpini e alla Bandiera Tricolore, si è voluto rendere omaggio ai Caduti infoibati, o diversamente massacrati tra il 1943 e il 1947. La mattina di sabato una folta delegazione di alpini messinesi e siciliani ha incontrato, presso l’ufficio stampa, il dir. dell’alpino don Bruno Fasani, con la consegna del nuovo gagliardetto e le foto di rito per sancire una bella amicizia.


Nel pomeriggio di sabato, il cons. sez. Domenico Interdonato ha presenziato all’Incontro che l’“ANA” ha avuto con le autorità, particolarmente sentito il momento della consegna della medaglia d’Oro al Valor Militare Andrea Adorno della pergamena di socio onorario dell’“ANA”. Da ricordare la bella ospitalità concessa dal Gruppo “ANA” di Isola del Gran Sasso ai due alpini messinesi, Luciano Di Nuzzo e Vincenzo Coppoletta, una gran bella amicizia alpina che si rinnova ogni anno.


 


Altre Notizie su

Notizie > Nazionali






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839