AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Media > Chiusura degli Ospedali Psichiatrici

 giovedì 26 marzo 2015

SANITÀ PENITENZIARIA

Chiusura degli Ospedali Psichiatrici

di Filippo Scolareci


alt

Finalmente, si è ormai giunti alla chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, data storica il 31 marzo del corrente anno. Infatti, il processo di superamento degli OPG, dallo Stato alle Regioni, nell’ambito del passaggio di competenze in tema di sanità penitenziaria, ha già preso definitivamente forma. Quanto sopra ha preso avvio e giusta motivazione sulla scorta di un video-documentario presentato in data 16 marzo 2011, realizzato dalla Commissione Parlamentare d’inchiesta, presieduta dall’allora sen. Ignazio Marino, in merito all’efficienza del servizio Sanitario Nazionale ai fini della propria missione istituzionale, che ha messo a nudo le cattive e tremende condizioni che erano costretti a subire gli internati che si trovavano nei vari Nosocomi Giudiziari sparsi per l’Italia. In quella sede il sen. Marino ebbe a dire che quella povera gente si trovava ormai “nell’inferno dei dimenticati” e, a sua volta, il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha definito queste condizioni “orribili e indegne per un Paese… appena civile”.

Moltissimi di questi internati hanno subito proroghe di sicurezza di sei mesi in sei mesi e, a volte, per periodi più lunghi, per giungere in alcuni casi di “ergastolo bianco”, nonostante si trovassero in condizioni d’intendere e di volere, rimanevano, purtroppo, lì dentro per sempre, dimenticati dal mondo e dalle famiglie. Proprio questo stato d’insicurezza e d’abbandono li prostrava maggiormente, inducendoli spesso a farla finita con la vita, come l’ultimo decesso per impiccagione avvenuto due settimane or sono nell’Ospedale Psichiatrico di Barcellona P.G., di un internato di 43 anni, originario della provincia di Catania, che si trovava rinchiuso da circa 15 anni per avere ucciso il padre con modalità atroci, il quale, nonostante avesse partecipato come sempre alle attività sociali dell’Istituto, aveva più di una volta tentato questo gesto estremo.

Oggi, sono circa 700 gli internati negli OPG e il loro trasferimento non sarà, tuttavia, un’operazione di massa, ma un percorso che richiede l’adozione di provvedimenti sia giudiziari che sanitari per ciascuno dei ricoverati nelle varie strutture. Per la maggior parte di loro sarà possibile, entro il 31 marzo 2015, la completa dimissione in Comunità o nelle loro famiglie, mentre per gli altri che sono stati riconosciuti dalle varie DSM (Dipartimento Stato Mentale) non dimissibili per le loro gravi patologie mentali, saranno trasferiti entro il mese di aprile nelle Rems, dove vigeranno le stesse regole dell’OPG, ma saranno gestite con solo personale sanitario e con l’abolizione del regolamento applicativo carcerario. In Sicilia, gli internati che sono già stati destinati alle Rems, i quali dovranno seguire dei progetti terapeutici individuali, saranno trasferiti a Naso (Me) e a Santo Pietro di Caltagirone.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Media






 
Sostenitori
 
 
© 2011/20 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839