Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Sociale > Istruzione > Suoni tra le macerie. Dalla musica di propaganda al boogie woogie degli americani

 martedì 24 marzo 2015

MESSINA

Suoni tra le macerie. Dalla musica di propaganda al boogie woogie degli americani

di Redazione


alt

Coinvolgente e partecipato Incontro tematico quello svolto al Liceo “Seguenza”, dal titolo Suoni tra le macerie. Dalla musica di propaganda al boogie woogie degli americani, un percorso curato dal prof. Cesare Natoli sui temi musicali ascoltati alla radio a Messina, durante il periodo dei bombardamenti nel 1943. Dopo i saluti iniziali della preside, prof. Maria Rosaria Mangano, e delle docenti Letizia Palumbo e Rossana Pollicino, coordinatrici del calendario degli “Incontri in Biblioteca”, è stato il prof. Enzo Caruso a introdurre il collega attraverso un breve filmato sulle violente incursioni aeree degli alleati sullo Stretto e l’elenco dei modi di dire, originatisi a Messina durante la guerra e in uso ancora (“babbi ill’Umpa”, “u pani c’a tessera”, “piggiatu da botta”…). È stata, quindi, la volta di Cesare Natoli che, nella sua puntuale esposizione, si è soffermato sul rapporto tra musica, politica e società a Messina e in Italia durante la Seconda Guerra Mondiale, presentando ascolti di brani musicali e analisi di testi, spesso contenenti interessanti indicazioni sia sul piano dell’attenzione che la propaganda mostrò nei confronti della produzione artistica, sia su quello dell’arte come strumento di satira e contestazione della dittatura.

Un vero e proprio originale itinerario storico e sociologico, attraverso la lente di ingrandimento costituita dalla musica e dalla produzione artistica dell’epoca: dai brani di propaganda come Vincere  alle “Canzoni della Fronda” (Pippo non lo sa, Maramao perché sei morto, ad esempio) che intendevano satireggiare il regime, passando per la celebrazione degli affetti con “Caro papà o Cara mamma”, fino ad arrivare al Boogie woogie e allo Swing, portatori di rinnovata speranza e spensieratezza dopo gli orrori della guerra. Particolarmente suggestiva la conclusione della Relazione, durante la quale Natoli ha presentato un video realizzato con immagini di Messina sotto i bombardamenti, accompagnandone la visione con l’esecuzione di Ora triste, struggente brano per pianoforte del compositore messinese Riccardo Casalaina.

Interessanti, al termine dell’Intervento, le testimonianze del dott. Renato Colosi, pres. dell’Associazione Nazionale “Vittime Civili di Guerra”, e del prof. Giulio Santoro, che hanno emozionato il numeroso pubblico presente con i loro toccanti ricordi di ragazzi, testimoni oculari della grande tragedia della guerra. Finale a sorpresa, quindi, con la Tammurriata nera, eseguita da Cesare Natoli (pianoforte) e Enzo Caruso (chitarra e voce) che, attraverso le parole del testo, scritto nel 1945, descrive il “curioso” fatto della nascita di un “criaturo niru niru”, nato dall’unione tra una ragazza napoletana e un soldato americano di colore che, per nascondere l’evidenza, “a Mamma ‘o chiamma Ciro, sissignore, ‘o chiamma Ciro”!


 


Altre Notizie su

Sociale > Istruzione






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839