Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Sociale > Associazionismo > Gli Scout messinesi del Masci da Papa Francesco

 sabato 15 novembre 2014

ROMA

Gli Scout messinesi del Masci da Papa Francesco

di Redazione


alt

In occasione del Sessantesimo Anniversario della fondazione del “Masci” (Movimento Adulti Scout Cattolici Italiani), Sua Santità Papa Francesco ha ricevuto in udienza a Roma più di 7.000 aderenti al sodalizio italiano. Quella del “Masci” è stata la prima udienza pubblica del Pontefice ad un Movimento Scout e per questo l’Aula Paolo VI è stata, letteralmente, invasa dagli scout adulti accompagnati da numerosi familiari. Presenti anche le quattro Comunità Masci dell’Arcidiocesi di Messina Lipari Santa Lucia del Mela: il “Messina 1”, il “Messina 2”, il “Messina 3” e il “Milazzo 3”. In particolare, lo storico capo scout, Nino Corriera, Magister del “Messina 2”, è stato chiamato dalla Presidente Nazionale del “Masci” ad animare l’arrivo nella sala di Papa Francesco.

Il movimento degli adulti scout nacque su iniziativa di Mario Mazza, un educatore genovese che agli albori del Novecento era stato tra i promotori dello scautismo in Italia, con l’intento di riunire gli adulti che avevano vissuta l’esperienza scout in un’ottica di educazione permanente e di servizio del prossimo. Grazie per sessant’anni d’impegno apostolico e di testimonianza nella Chiesa e nella società, dei valori di lealtà, fraternità e amore a Dio e al prossimo. Continuate a tracciare il vostro cammino con speranza nel futuro”.

Agli scout adulti il Papa ha chiesto di essere lievito per la realizzazione del bene comune e di offrire come bussola “un cuore orientato, cioè con il senso di Dio: In una società complessa e multiculturale, voi potete testimoniare con semplicità e umiltà l’amore di Gesù per ogni persona, sperimentando anche nuove vie di evangelizzazione, fedeli a Cristo e fedeli all’uomo, che nella città vive spesso situazioni faticose, e a volte rischia di smarrirsi, di perdere la capacità di vedere l’orizzonte, di sentire la presenza di Dio. Allora, la vera bussola da offrire a questi fratelli e sorelle è un cuore vicino, un cuore orientato, cioè con il senso di Dio”. Continuate, dunque, a tracciare il vostro cammino con speranza nel futuro”, è questo l’incoraggiamento che il Papa lascia al “Masci”, non senza aver indossato lui stesso il fazzolettone blu e aver benedetto l’assemblea che insieme ha rinnovato la promessa, cioè l’atto solenne che da sessant’anni impegna chi aderisce a servire Dio, il Paese e il prossimo.


 


Altre Notizie su

Sociale > Associazionismo






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839