AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Media > Caravaggio e le lucciole

 sabato 18 ottobre 2014

IL MAESTRO

Caravaggio e le lucciole

di Domenica Timpano


alt

Il Mensile “Stile Arte” ha riportato, qualche tempo fa, una scoperta di Roberta Lapucci sul pittore Caravaggio. Il grande Maestro pare avesse creato una polvere contenente coleotteri luminosi seccati che utilizzava per i suoi dipinti. Egli aveva allestito nel suo studio una sorta di camera ottica per sfruttare ai massimi livelli le potenzialità della luce. Allo scopo, aveva fatto realizzare un buco nel soffitto da dove poteva filtrare la luce che, con l’aiuto di una lente biconvessa e uno specchio concavo, rifletteva, direttamente, sulla tela l’immagine del soggetto da dipingere. Secondo la studiosa Roberta Lapucci, mutando la luminosità e i modelli, il Maestro era costretto a cambiare anche le proiezioni.

Analizzando i suoi quadri, si è riscontrata la presenza di argento, arsenico, magnesio, zolfo, iodio, materiali fotosensibili che aumentavano la luminosità del dipinto, miglioravano la profondità spaziale e consentivano al Caravaggio di lavorare anche al buio. Il grande pittore, partendo da una composizione tracciata nelle sue linee essenziali, usando biacca e distillato di lucciole, che producevano un effetto fluorescente, dava inizio alla composizione.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Media






 
Sostenitori
 
 
© 2011/20 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839