Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Sociale > Come spada di Damocle > Obblighi del testimone

 lunedì 13 ottobre 2014

GIUSTIZIA

Obblighi del testimone

di Olga Cancellieri


alt

Per me odioso, come le porte dell’Ade, è l’uomo che occulta una cosa nel suo seno e ne dice un’altra (dall’Iliade di Omero). Oppure, se preferiamo una citazione più recente.. “Fatti raccontare più volte come è andata, forse ti avvicinerai alla versione giusta. Soltanto i grandi bugiardi hanno una memoria rispettabile” (Dino Basili). Il dovere civico che grava su chi viene indicato come testimone in un giudizio diviene spesso un obbligo scomodo e gravoso. Non si viene retribuiti o rimborsati, si dedica un’intera mattinata (anche di più, in caso di rinvio dell’udienza) e, spesso, si è costretti a fare immani sforzi di memoria, perché di solito è trascorso molto tempo tra l’accadimento dei fatti e il loro racconto in veste di testimoni.

Appare, quindi, opportuno chiarire in che cosa consista il ruolo del teste in un giudizio; oneri e rischi che si corrono in caso di mancata presentazione e modalità per sottrarsi a tale obbligo giuridico. Senza dimenticare che l’attività in esame rappresenta, comunque, un dovere morale e civile di collaborazione con l’ordinamento, poiché si aiuta, con la propria testimonianza, l’accertamento della verità. Pertanto, il testimone è un individuo ritenuto a conoscenza dei fatti, oggetto di un processo civile o penale. Tali fatti vengono appresi dal giudice interrogando il testimone, che ha l’obbligo, penalmente sanzionato, di dire la verità. Chiunque, anche se minorenne, può essere citato come testimone, e, in tal caso, ha l’obbligo di presentarsi davanti al giudice.

La mancata comparizione può determinare l’applicazione di una sanzione pecuniaria compresa tra 100 e 1.000 euro, se si tratta di un processo civile (art. 103 disp. att. C.P.C.), e tra 51 e 516 euro, se si tratta di un processo penale (art. 133 C.P.P.), ma, in entrambi i casi, vi è l’accompagnamento coattivo del testimone davanti al giudice ad opera della Forza pubblica. Nel caso il testimone sia impossibilitato a comparire, è necessario, per evitare le sanzioni indicate, che comunichi, immediatamente, e per iscritto (via fax, posta, telegramma o altro idoneo mezzo di comunicazione), i motivi del suo impedimento (ragioni di salute, impegni inderogabili di lavoro etc.), accompagnandoli da documentazione idonea a comprovarli (certificato medico, dichiarazione del datore di lavoro, etc.).

Se decide di partecipare al processo prima di rilasciare la propria deposizione, deve recitare un “giuramento laico” (non si pronuncia più la parola “Giuro” e non posa la mano su nessun testo sacro); il testimone, infatti, legge o ripete la seguente formula rituale: “Consapevole della responsabilità morale e giuridica che assumo con la mia deposizione, mi impegno a dire tutta la verità e a non nascondere nulla di quanto è di mia conoscenza”. Si indicano, quindi, le proprie generalità comprovate da un valido documento di riconoscimento. Si procede, così, a rispondere alle domande. Quando la memoria non ci viene in aiuto, meglio dire un onesto “non ricordo” che arrampicarsi su scivolosi specchi nel tentativo di afferrare un lontano ricordo (si apparirà più seri e credibili). In bocca al lupo… o al testimone.


 


Altre Notizie su

Sociale > Come spada di Damocle






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839