Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Sociale > Come spada di Damocle > “La calunnia è un venticello...” e l’ingiuria e la diffamazione cosa sono?

 sabato 6 settembre 2014

REATI

“La calunnia è un venticello...” e l’ingiuria e la diffamazione cosa sono?

di Olga Cancellieri


alt

La calunnia, l’ingiuria e la diffamazione sono tre tipologie di reato che prevedono un’offesa all’onore e al decoro della persona, a cui l’offesa è diretta. Tuttavia, presentano un tasso di gravità e caratteristiche molto diverse le une dalle altre. Iniziamo dal meno grave: l’ingiuria. Tale delitto, previsto dall’art. 594 c.p., punisce chiunque offenda l’onore e il decoro di una persona presente. La punibilità è estesa anche alle offese trasmesse con comunicazioni a distanza: telefono, scritti, disegni, etc.

Per onore, tradizionalmente, s’intende il sentimento e l’idea che ciascuno ha di sé, nonché il rispetto e la stima di cui ciascuno gode presso il gruppo sociale. La pena prevista è quella della reclusione fino a sei mesi o della multa fino a Euro 516,00. Qualora l’offesa consista nell’attribuzione di un fatto determinato, la pena è aumentata (reclusione, fino a un anno, o multa, fino a Euro 1.032,00). La pena è aumentata anche nel caso in cui la condotta offensiva sia tenuta alla presenza di più persone.

Ulteriori aggravanti sono, inoltre, previste nel caso in cui l’ingiuria abbia finalità di discriminazione o di odio etnico, nazionale, razziale o religioso. Ciò accade quando l’offesa origina da un consapevole e percepibile sentimento di avversione o di discriminazione fondato sulla razza, l’origine etnica o il colore, ossia quale disprezzo idoneo a dare luogo al concreto pericolo di comportamenti discriminatori.

La diffamazione è un reato un po’ più grave, nasce a tutela della reputazione, da intendersi come il complesso dell’identità personale di un soggetto che si vuole, quindi, proteggere tanto personalmente, quanto nelle sue proiezioni sociali. Si considera più grave dell’ingiuria perché l’articolo 595 c.p. prevede per tale reato la reclusione, fino a un anno, o la multa, fino a Euro 1.032,00.

Il dato che differenzia le due ipotesi criminose di cui sopra, consiste nel fatto che, mentre l’ingiuria presuppone la presenza della persona offesa nel momento dell’azione criminosa, nel reato di diffamazione l’offesa al decoro viene compiuta in assenza della persona offesa e comunicando con più persone. I reati possono tra loro concorrere, come avviene nel caso in cui, ad esempio, una lettera dal contenuto ingiurioso venga indirizzata, oltre che alla persona offesa, anche a terze persone.

La calunnia, infine, va distinta dagli altri due reati e si ha quando taluno, con denunzia, querela, richiesta o istanza, anche se anonima o sotto falso nome, diretta all’Autorità giudiziaria, incolpa di un reato una persona che egli sa essere innocente, oppure simula a carico di una persona le tracce di un reato. Per il reato di calunnia la pena è della reclusione da due a sei anni, salvo aggravanti.

Attenzione, però non si commette calunnia tutte le volte che si accusa qualcuno di avere compiuto un reato. La domanda classica che si fa in questi casi è: “Costituisce reato dare del ladro ad un ladro?”. La risposta è “no”. Si commette reato di calunnia solo se si accusa di un reato una persona quando si è consapevoli della sua innocenza, non quando si ha il dubbio che sia colpevole.


 


Altre Notizie su

Sociale > Come spada di Damocle






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839