AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Media > Bisogna dire basta all’economia dell’esclusione

 domenica 17 agosto 2014

INIQUITÀ SOCIALE

Bisogna dire basta all’economia dell’esclusione

di Giovanni Prestopino


alt

Così, come il comandamento “non uccidere” pone un limite chiaro per assicurare il valore della vita umana, oggi dobbiamo dire no a un economia dell’esclusione e dell’iniquità. Questa economia uccide! Non è possibile che non faccia notizia il fatto che muoia assiderato un anziano ridotto a vivere per strada, mentre lo sia il ribasso di due punti in borsa. Questo è esclusione. Non si può tollerare il fatto che si getti il cibo, quando c’è gente che soffre la fame. Questo è iniquità.

Oggi, tutto entra nel gioco della competitività e della legge del più forte, dove il potente mangia il più debole. Come conseguenza di questa situazione, grandi masse di popolazione si vedono escluse ed emarginate, senza lavoro, senza prospettive, senza vie d’uscita.

Si considera l’essere umano in se stesso come un bene di consumo, che si può usare e poi gettare. Si è dato inizio alla cultura dello “scarto” che, addirittura, viene promossa. Non si tratta più semplicemente dello sfruttamento e dell’oppressione, ma di qualcosa di nuovo: con l’esclusione resta colpita, nella sua stessa radice, l’appartenenza alla società in cui si vive, dal momento che in essa non si sta nei bassifondi, nella periferia, bensì si sta fuori. Gli esclusi non sono “sfruttati”, ma rifiuti, “avanzi” (rif. Evangelii Gaudium n°53).




 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Media






 
Sostenitori
 
 
© 2011/20 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839