Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Enogastronomia > Chi mi raccomanda… col salumaio?

 giovedì 14 agosto 2014

PILLOLE DI BUON UMORE

Chi mi raccomanda… col salumaio?

di Domenica Timpano


alt

Non pensate che io stia scherzando! Il problema della “raccomandazione” esiste ancora e si pone, talvolta, anche in modo “drammatico” o, forse..., anche ridicolo. Giorni fa, erano quasi le ore 21,00, sono entrata in un supermarket che si trova sul viale che conduce alla zona dove abito. Mi sono diretta, di gran fretta… vista l’ora, verso il bancone dei salumi, dove già erano in attesa due persone. Esauditi i desideri di un giovane che voleva solo qualche panino, una signora, non giovanissima, ma, certamente, molto più giovane di me, con fare “affettato” (in una salumeria ci sta!), si è rivolta al salumaio:

Mi dia della scamorza, per favore”.

Sì, signora, prego, quanti etti?”.

Mah” – rispose lei – “tre, quattro, non importa, tagli, tagli, senza problemi”.

Bene signora, ecco, quattro etti vanno bene? Sa non le consiglio di prenderne di più, dopo qualche giorno va a male con questo caldo”.

Vuole altro, signora?”.

Oh sì, però, dimenticavo di dirle una cosa. Lo sa chi sono io? Sono l’amica di Marcella, si ricorda? Lei la deve conoscere”.

Oh, signora mia, certo che la conosco, una cara cliente”.

Mi tratti bene allora, le raccomando, sa Marcella mi conosce da una vita!” – continuò animandosi, esageratamente.

Tranquilla, signora, certo che la tratto bene, è amica di Marcella! Vuole altro?” – aggiunse poi, con un sorriso a tutto tondo.

La signora, soddisfatta, sorridente, rossa in viso e con gli occhi brillanti aggiunse:

Mi dia del prosciutto”.

Quanto, gentilissima signora?”.

Faccia lei, faccia lei”.

Mentre il salumaio era intento ad affettare e la signora ad inseguire sogni di gloria, profondamente disturbata, mi sono allontanata di qualche passo per meditare. Con quale coraggio avrei potuto chiedere le mie consuete cinque fettine di bresaola… e solo un etto, e non più, di prosciutto di quello in offerta per giunta, senza sprofondare per la vergogna?
E poi, senza avere alle spalle una “Marcella” che trattamento mi avrebbe riservato il salumaio? Mi avrebbe rifilato salumi e prosciutti avariati? Terrorizzata, presa da un attacco di panico irrefrenabile, con la scusa della macchina fuori posto, sono scappata. Sarei tornata dal salumaio, ma solo dopo avere trovato una persona che a lui mi raccomandasse. Diamine, che stupida, a non averci pensato prima!


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Enogastronomia






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839