Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Ambiente > Un Mare da Vivere > Il Palio, le Paciote e i Marinai

 domenica 7 giugno 2015

TRADIZIONI MARINARE

Il Palio, le Paciote e i Marinai

di Domenico Interdonato


alt

I Palii di barche erano, un tempo, gli unici momenti di svago e di divertimento lungo i Villaggi della Riviera messinese. Così, tutti insieme, durante le feste religiose, si organizzavano gare di barche tra le Contrade marinare che, durante queste manifestazioni, mettevano in luce la rivalità esistente tra i Villaggi. Tutte le gare si effettuavano con le usuali barche da pesca, che differivano tra di loro a seconda dell’appartenenza rivierasca. Oggi, riprendendo l’antica tradizione, si sono riproposti i Palii con le stesse tradizioni e rivalità di sempre. Era uso conquistarsi il posto di gara con il Lancio dell’Arpione, che avveniva sulla spiaggia prima della partenza. Questa era la prima fase, dove si dimostravano le capacità dei lanciatori che, quasi sempre, erano i “lanzaturi” delle feluche della caccia al Pesce Spada; con un lancio preciso guadagnavano il posto migliore per la gara, per sfruttare meglio le correnti del momento. Un ignoto poeta del XVII sec. così descrive le Regate che si tennero a Messina nel 1665:

Ben escono le feluche dentro al mare
Piene di genti e ii vogatori famosi.

Havendo diligenza a navigare
Sovra i monti dell’onde, alti e spumosi;

si vedean le sue vele allor volare
per essere di ciò vittoriosi.

E giungendo le prime in tal tenzone
Havran d’un pallio aurato il guiderdone
”.

Probabilmente, in queste rime riportate da Rocco Sisci, nel Volume Barche, Padroni e Marinai, è descritta la Regata più famosa della Riviera: il Palio di Mezzagosto che si correva durante i festeggiamenti della Vara del 15 agosto, a Messina. La Gara si disputava da Contemplazione al Porto di Messina, dove l’arrivo era fissato all’altezza dell’attuale Municipio. Questo palio, estintosi negli anni Cinquanta del secolo scorso, era tra i più difficili della Riviera. A differenza del Palio di Siena, dove a correre sono i cavalli, qui a Messina le protagoniste assolute sono le barche “paciote” a otto remi, governate da equipaggi sceltissimi e ben allenati.

La barca “paciota” è una barca nata per la velocità; durante le regate, infatti, le “paciote” volano sull’acqua, spinte da quattro, sei o otto remi, manovrate da atleti forti e avvezzi alle fatiche della voga. Alle gare partecipavano, come oggi, equipaggi animati da grande spirito agonistico e decisi a portarsi a casa l’ambito “stendardo” messo appunto “in Palio”.

Foto di Davide Lupica



 


Altre Notizie su

Ambiente > Un Mare da Vivere






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839