Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Pr. Tirrenica > MILAZZO: LETTERA APERTA AL SIGNOR SINDACO

 giovedì 9 giugno 2011

MOVIMENTO AZZURRO – ECO SEZIONE DI MESSINA

MILAZZO: LETTERA APERTA AL SIGNOR SINDACO

di Redazione


alt

L’inquinamento ambientale è uno di quei fenomeni negativi che, ormai da parecchi anni, flagella il nostro ecosistema arrecando numerosi danni sia all’ambiente che alla salute dell’intera popolazione la quale, ormai visibilmente esausta, convive, in maniera ‘inerme’ e ‘passiva’, con quella che è una causa deleteria alla propria salute che inficia e compromette una buona qualità della vita.

L’uso di apparecchiature idonee al controllo dei limiti consentiti servirebbe, a tal proposito, a limitare i danni dello smog intervenendo, tempestivamente, sull’accumulo dell’inquinamento stesso. Ma tutto questo, talvolta, non avviene vuoi per il malfunzionamento dell’apparecchiatura di cui si parlerà o per una sua totale ‘assenza’.

Pertanto, qui di seguito riportiamo una lettera aperta del Movimento Azzurro – Eco Sezione di Messina rivolta al sindaco di una delle più belle città del Mediterraneo: Milazzo, depauperata, ormai, da decenni del suo territorio da una raffineria.

Dal mese di aprile del 2010 la provincia regionale di Messina ha spento le centraline che registravano gli inquinanti atmosferici emessi in codesto territorio, dandone tempestiva comunicazione agli enti interessati ed anche alla procura della Repubblica.

È evidente, pertanto, che nessuna iniziativa di tutela dell’atmosfera e, conseguentemente, della salute dei cittadini, può essere assunta da parte della S.V. in mancanza di un ente che registri i dati e che, tempestivamente, li comunichi al comune.

Stante la gravità della situazione che si è venuta a determinare la scrivente associazione invita la S.V., in qualità di Autorità Sanitaria Locale (ASL), cui compete l’emanazione di tutti i provvedimenti autorizzativi, concessivi, prescrittivi, cautelativi e repressivi, comprese le ordinanze contingibili e urgenti in materia di igiene, sanità e salvaguardia dell’ambiente nell’ambito del territorio comunale, di convocare, presso codesta sede comunale, i responsabili degli enti che dovrebbero occuparsi dei controlli ambientali: il dirigente generale del dipartimento dell’ambiente dell’A.R.T.A.; il dirigente del servizio 2 – Tutela inquinamento atmosferico dell’A.R.T.A; il direttore generale dell’A.R.P.A. Palermo; il responsabile provinciale dell’A.R.P.A. Messina; l’assessore all’ambiente della provincia regionale di Messina ed il presidente della C.P.T.A. Messina.

L’incontro dovrà servire ad individuare l’ente che, per legge, deve assumersi la gestione delle centraline e tutte le incombenze conseguenti.

É appena il caso di ricordare che l’UE ha iniziato la procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia, per le polveri sottili oltre i limiti”.


 


Altre Notizie su

Notizie > Pr. Tirrenica






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839