Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Sociale > Salute e Benessere > Decalogo per assicurare una corretta esposizione al sole

 sabato 12 luglio 2014

TEMPO DI MARE

Decalogo per assicurare una corretta esposizione al sole

di Redazione


alt

Nella stagione estiva ci si prepara alle prime esposizioni al sole che, purtroppo, di anno in anno diventa sempre più nocivo per via dei danni alla pelle che esso provoca, ormai e con sempre più frequenza.

Nonostante le innumerevoli informazioni su quelli che sono i ‘pericoli’ per la nostra pelle che attraverso i media, annualmente, bombardano l’opinione pubblica in relazione alle varie precauzioni da adottare in vista dell’esposizione solare, i cultori dell’abbronzatura immediata e i ‘noncuranti’, spesso, disattendono tali accorgimenti.

Vediamo adesso quali sono le 10 ‘buone’ e ‘semplicissime’ regole che dovrebbero essere seguite per evitare eventuali danni: 1. limitare la durata delle esposizioni al sole nelle prime giornate di vacanza; 2. non esporsi tra le ore 11 e le 15 (12-16 ora legale), ore i cui il sole è allo zenit e i raggi UV sono più intensi; 3. i solari vanno scelti in base al fototipo della pelle. Ai bagnanti va, tuttavia, ricordato che il fattore di protezione, riportato sulla confezione, è calcolato in eccesso. Per prudenza va, pertanto, dimezzato; 4. i bambini sotto i 3 mesi non vanno esposti al sole; 5. i bambini devono bere, spesso, per compensare la traspirazione e avere una dieta ricca di frutta, veicolo per la vitamina C e il betacarotene; 6. il prodotto solare va applicato ogni 1 o 2 ore e sempre dopo il bagno anche se è considerato resistente all’acqua; 7. chi svolge attività sportive all’aria aperta deve applicare un prodotto protettivo con una frequenza maggiore per via della sudorazione; 8. i rimedi “antisolari” presi per via orale non sostituiscono le creme, ma, semmai, preparano la pelle prima dell’estate; 9. i prodotti fotosensibilizzanti, siano essi farmaci o cosmetici, non devono essere applicati sulla pelle; 10. sulla confezione della crema solare scelta deve essere riportato un indice di protezione per gli UVB e uno per gli UVA.

Ragion per cui, una corretta e sana abbronzatura va intesa come tale solo se quanto su citato viene seguito con cura e giudizio.



 


Altre Notizie su

Sociale > Salute e Benessere






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839