AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Media > Roger: quando si dice “vita da cani” voi ci credete?

 giovedì 8 maggio 2014

PENSIERI IN LIBERTÀ

Roger: quando si dice “vita da cani” voi ci credete?

di Domenica Timpano


alt

Quando si dice “vita da cani” a me viene da ridere, non ci credo proprio e, se guardo anche molti miei simili, ho conferma del mio convincimento. La vita che facciamo noi è da gran “signori” e sfido chiunque a dire il contrario.

Ve ne racconto una per rendervi partecipi del mio giudizio e poi ci risentiamo…

La settimana scorsa, i miei... ehmm... genitori adottivi si sono recati in Campania per partecipare ad un matrimonio. Nei giorni precedenti la partenza, il primo pensiero non è stato rivolto agli abiti da indossare, al regalo o al viaggio, ma a me che sono un minuscolo batuffolo di pelo nocciola. “Prima di muoverci, dobbiamo trovare una soluzione per Gigio” (questo è il mio diminutivo, consentito solo ai parenti) – così sentenziava la mia “mamma” – “altrimenti io non mi muovo, dobbiamo trovare un albergo dove non fanno storie e una baby… pardon… dog sitter a cui affidarlo quando saremo alla cerimonia”.

Con questo chiaro di luna, potete bene immaginare che il protagonista dei tre giorni sono stato io. Attrezzati di tutto punto siamo partiti, in macchina, e la mia mamma, pensate, mi ha tenuto sempre sulle sue gambe, in una specie di borsello imbottito comprato, appositamente, per il viaggio. Senza badare a spese.

Si preoccupava di farmi scendere alla stazione di servizio per fare pipì, per darmi la pappa, per farmi bere e mi accarezzava temendo che io mi stancassi. Forse non lo sapete, ma sono ultracentenario, anche se, di primo acchito, sembro uno appena nato con i miei 1800 grammi di peso. A dire il vero, ho fatto un viaggio molto comodo, ma non finisce qui. In giro per Napoli non vi dico quante coccole, anche dai passanti, e quante cose belle ho visto. A Sorrento poi, che meraviglia! Quando mi hanno fatto fare quattro passi a… piedi (?) mi sono sentito davvero rinascere e anche se era l’una di notte avevo gli occhi accesi come due lampadine perché ne girano belle cagnette da quelle parti!

Una piccola sofferenza, a volere essere onesti, mi è toccata il giorno del matrimonio. Sono rimasto chiuso in camera, attrezzato di tutto, però, per alcune ore. Ogni tanto, venivano a trovarmi per accertarsi del mio stato, ma cosa potevo fare? Mi sono mostrato tranquillo. Ho stretto i denti, si fa per dire, ne ho pochini ormai, ed ho aspettato che finisse la cerimonia. Certo, dopo li ho avuti tutti intorno a chiedermi scusa per avermi lasciato in balia di un’addetta all’albergo che si è guadagnata una lauta mancia.

Al rientro nella nostra città, la mia mamma ha detto: “Esperimento riuscito. Gigio ha fatto il bravo, ormai può fare parte del gruppo-gita”.

Ora, ditemi voi se questa è vita da cani! Quella che ha sofferto, se così si può dire, è stata la mia padrona che non ha staccato gli occhi da me e i miei… ehmm… fratellini che si sono alternati nel trasportarmi “a spalla” dentro un borsello firmato… “Roger”.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Media






 
Sostenitori
 
 
© 2011/20 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839