Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > I Tesori di Messina > Evemero da Messina, il prezioso saggio di Pietro Saccà

 sabato 5 gennaio 2019

PERSONAGGI ILLUSTRI

Evemero da Messina, il prezioso saggio di Pietro Saccà

di Alfonso Saya


alt

Se si chiedesse ai messinesi chi fosse Evemero (storico greco di età ellenistica, nato a Messina ca. 330 a.C.; morto ad Alessandria d’Egitto ca. 250 a.C.), risponderebbero, magari, ricordando i Promessi Sposi. “Carneade? Chi era costui?”. Eppure, si tratta di un nostro grande concittadino che insieme a Dicearco – altro grande concittadino dell’epoca – nell’età ellenistica diede un importante contributo alla cultura greca. Un grande merito, quindi, bisogna attribuire al chiarissimo prof. Pietro Saccà che ha chiuso la sua prestigiosa carriera scolastica da preside della Scuola media “Giovanni Pascoli” della nostra città, il cui grande merito è stato quello di far uscire dalle nebbie dell’oblio e dell’ignoranza. Della figura del suddetto illustre concittadino, che fu un grande scrittore che troneggiava nell’antichità tra i principi del pensiero e dell’arte, oggi – afferma il prof. Saccà – si può trovare qualche fuggevole accenno nei manuali scolastici, ma anche di storia letteraria greca.

Non c’è un italiano – lamenta il professore – che se ne sia occupato! Eppure, fiumi d’inchiostro sono stati versati dagli storici, dai filosofi e dai mitografi sul terreno evemeristico. Sulla sua biografia, invece, non una goccia d’inchiostro è stata spesa; non c’è una misera cantonata nell’abitato messinese che lo ricordi come si è fatto per il suo grande contemporaneo Dicearco, anche lui – come ho detto – nostro concittadino. Si è trovato posto – lamenta ancora il nostro illustre professore – nella toponomastica locale per il Peculio, per le Vettovaglie, per l’Acqua del Conte, per la Munizione, per il Bufalo, per l’Uccelliera e, persino, per la Legname Vecchia e per quella Nuova.

Con il suo prezioso Saggio, Evemero da Messina, che ha conseguito il prestigioso Premio “Vittorini”, ha avuto – ripeto – il grande merito di farlo uscire dalle nebbie dell’oblio e dell’ignoranza. Evemero ebbe una larga fama con l’Opera Sacra Scriptio. La sua dottrina (Evemerismo) trovò accoglienza nella cultura romana e presso gli apologisti cristiani (Lattanzio, Tertulliano, Eusebio…), poiché dimostra la falsità del paganesimo e dell’idolatria. Questo prezioso Saggio, nell’intento del prof. Pietro Saccà, illustre scrittore e poeta, voleva essere un invito agli studiosi messinesi ad impegnarsi, in questo campo, per amor di Patria, ma, purtroppo, questo suo invito – ed è stata grande la sua delusione – non è stato raccolto! Solo è stato raccolto il lamento del nostro illustre professore riguardo alla toponomastica, per cui è, giustamente, soddisfatto: è stata intitolata ad Evemero la scuola elementare di Ganzirri.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > I Tesori di Messina






 
Partner
 
 
© 2011/19 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839