Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Pr. Tirrenica > La Sicilia è la perla del secolo per abbondanza e bellezza

 lunedì 31 marzo 2014

LICEO SCIENTIFICO “L. PICCOLO”

La Sicilia è la perla del secolo per abbondanza e bellezza

di Pasquale Ermio


alt

Con questo assunto, si è svolta, il 14 marzo u.s., un’interessante manifestazione presso l’Ipaa e odontotecnico di Capo d’Orlando, avente come sede associata il Liceo Scientifico “L. Piccolo”. Nell’ampia palestra dell’istituto, si sono ritrovati gli alunni delle varie classi. Nella realizzazione del Progetto – ideato e realizzato dalla prof. di lettere e storia, Tinuccia Di Dio – è stata allestita una scenografia avente per sfondo la veduta di due località rappresentative della Sicilia tirrenica: Tindari, con il suo meraviglioso teatro greco, e il promontorio di Milazzo; in evidenza, un ampio tavolo ricco di prodotti della terra e di oggetti tipici ed artigianali, alcuni cartelloni riportavano proverbi siciliani antichi, altri ricette di cucina tradizionali. È stato così ricreato un ambiente accogliente, nel quale svolgere l’evento previsto, durante il quale è stato dato ampio spazio a drammatizzazioni in dialetto siciliano, oltre che in italiano, volte a “raccontare” la Sicilia e le sue usanze, a esaltare le bellezze di questa Regione e a concentrare l’attenzione sui doni di una terra piena di potenzialità socio-economiche e culturali.

A coordinare le varie fasi dell’evento, si è prodigata la prof. Di Dio.

Sulle note musicali, eseguite dal dinamico Gruppo “Kilimangiaro Band” che ricordiamo parte, artisticamente, da Patti (sotto il nome di “Stella Azzurra”, nel 1988), per fare strada in ambito nazionale ed estero, partecipando anche alla trasmissione Rai “Alle falde del Kilimangiaro” – condotta da Licia Colò – sono stati eseguiti diversi balletti in costume tipico, grazie alla collaborazione dell’Associazione “Arkè”, di Adriana Ridolfo.

Poesie celebri sono state recitate dai ragazzi. Enunciati diversi detti comuni relativi al “curtigghio” e al “lamentarsi”, modi di fare appartenenti a più generazioni che si spera vadano superati, a vantaggio di un vivere sociale più propositivo. Non è mancato il momento riferito alla piaga della mafia che, per meri interessi criminali e di potere, ha mietuto tante vite di persone oneste e coraggiose. È così che numerosi ragazzi sono entrati in scena con i volti delle vittime di mafia, cammino di “Cento passi”, esplicito riferimento a un movimento positivo diretto verso il raggiungimento della legalità, rispetto di vita sociale ed economica, di cui una regione ha bisogno per crescere e per proporsi, degnamente, nell’era della globalizzazione, già da tempo iniziata.

Il messaggio-obiettivo del Progetto è rivolto, quindi principalmente, al potenziamento del concetto d’identità sociale, al recupero di valori e alla scoperta di nuove opportunità, partendo dalla conoscenza di ciò che la terra di Sicilia può offrire e dà.

La speranza parte ancora dalla Sicilia, che non vuole declinare più messaggi di violenza, di decadenza e di corruzione, ma che vuole coltivare un futuro degno di bellezza e di ricchezza, storica, civile e produttiva, con spirito attuale e moderno.

Così, ogni anima siciliana può arrivare a portare ed a diffondere nel mondo, con convinzione, calore e solidarietà, messaggi di pace, di bellezza e di cultura. Al contempo, mettere in risalto e promuovere le bellezze di Sicilia, contribuisce al richiamo turistico verso questa terra, ricca di beni, di profumi e di sapori, dalle potenzialità ancora inespresse nella loro completezza, come lo sviluppo di aziende agricole capaci di produrre prodotti di qualità, genuini e salubri, da immettere in modo competitivo su un mercato molto più ampio.

Sono molte, quindi, le opportunità che la terra di Sicilia offre a chi la sa apprezzare e amare. Di ciò ne è, particolarmente, convinta la prof. Tinuccia Di Dio, che si è prodigata, con indubbio impegno, nella realizzazione del Progetto scolastico.

A ringraziare i numerosi presenti e partecipanti, è stata, con soddisfazione evidente, la preside del Liceo Scientifico “L. Piccolo”, Giuseppa Rita Pintabona.

All’iniziativa ha aderito l’Associazione Siciliana “Arte e Scienza”, rappresentata dalla presidente, Flavia Vizzari, e dal vicepresidente, Pier Paolo La Spina. Sono intervenuti i poeti Gino Puglisi, Pasquale Ermio e la prof. Maria Grazia Insinga.


 


Altre Notizie su

Notizie > Pr. Tirrenica






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839