Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Poesie > Patri i Francia e u Panitteri

 lunedì 16 gennaio 2017

POESIA

Patri i Francia e u Panitteri

di Alfonso Saya


alt






Un jornu Patri Francia
trasiu ‘nto panificiu
e spittannu l’elemosina
‘nto n’angulu si ricugghiu
ma u panitteri
ittannu na bestemmia
ci muddò na moffa
e ci dissi: “Annati via!
E Patri Francia:
“Chista è pi mia
e pi me orfaneddi?”
U panitteri divintò
na lapi i meli,
si inchiu l’occhi i lacrimi,
ci desi na cesta i pani
s’inginucchiò e so’ pedi.


Un giorno, padre Annibale di Francia entrò in un panificio.
Aspettando l’elemosina si mise in un angolo, ma, il panettiere, bestemmiando, gli diede uno schiaffo e gli disse: Andate via!

Padre Annibale di Francia gli rispose: Questo schiaffo è per me ed i miei orfanelli?
A quel punto al panettiere gli si riempirono gli occhi di lacrime, gli dette una cesta di pane e si inginocchiò ai suoi pedi.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Poesie






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839