Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Sociale > Come spada di Damocle > Crif, insensibile burocrazia

 domenica 7 febbraio 2016

PRESTITI

Crif, insensibile burocrazia

di Salvatore Anzà


alt

Tutti, o quasi, almeno una volta nella vita abbiamo avuto la desolante sensazione di essere come Sam Lowry, il protagonista del Film Brazil. Nel Capolavoro di Terry Gilliam, il mondo vive un futuro dove la burocrazia, quella per intenderci di tipo kafkiano, crea un sistema dispotico ed è spesso impietosa, soprattutto verso chi non può difendersi. Molte di queste situazioni assurde, paradossali e spesso angoscianti, i cittadini sono costretti a subirle nel momento in cui entrano nel circolo “vizioso” del sistema creditizio italiano. Il “mostro”, con il quale i cittadini si devono scontrare in battaglie, così impari, da uscirne quasi sempre sconfitti, è un’Azienda che gestisce la banca dati più vasta di centrali rischi ed è nota come Eurisc, o meglio Crif.

Grazie ad essa, si può avere accesso ai dati conservati, così da poter avere immediata contezza, dello storico creditizio di un cliente. In questo modo, chi eroga il prestito può vedere l’affidabilità del richiedente in materia di credito, verificando se in passato ha fatto altri finanziamenti e con quale modalità li abbia pagati, sia essa più o meno regolare. Per semplificare il più possibile, le richieste di prestito sono conservate per 6 mesi, mentre un mancato finanziamento per almeno 30 giorni. Fin qui nulla di anomalo! Infatti, è giusto avere un sistema di garanzia che tuteli da un lato gli istituti di credito e dall’altro i pagatori sani. Il tutto si complica quando, invece, il consumatore si trova nella condizione di aver pagato con ritardo 2 rate. Orbene, i suoi dati, in questo caso, restano in centrale rischi per almeno 1 anno, a partire dalla data in cui egli ha sanato il debito.

I tempi si allungano a due anni nel caso di più di 2 rate pagate con ritardo, mentre si arriva a 36 mesi nei casi di stato d’inadempienza, a partire dalla data di fine contratto. Il primo problema sorge proprio dalla cattiva consuetudine che ha l’Istituto Finanziario, o anche la Banca, nel segnalare, in automatico al Crif, chi ritarda nei pagamenti. Questa superficialità, che non tiene conto delle innumerevoli variabili che possono incidere su un paio di ritardi nei pagamenti, è stata stigmatizzata dal garante per la Protezione dei Dati Personali, che ha indicato l’esatta procedura da seguire. L’istituto finanziario, insieme al sollecito, deve avvisare l’interessato dell’imminente registrazione dei suoi dati in uno o più sistemi creditizi. Inoltre, questa comunicazione deve avvenire tramite raccomandata con ricevuta di ritorno.

Chiaramente, ciò non avviene quasi mai! Il secondo problema nasce nel momento in cui la Crif deve cancellare i dati negativi. Nella maggior parte dei casi, questa operazione non solo non viene effettuata, ma sono gli stessi consumatori che devono, in prima persona, chiedere la cancellazione, spesso ricorrendo all’autorità giudiziaria ordinaria o facendo ricorso al garante. Insomma, come si evince, facilmente, le Banche e le Finanziarie hanno, gioco-forza, uno strumento che gli permette con facilità di selezionare la propria clientela, strumento che, allo stesso tempo però, diventa per il semplice consumatore una spada di Damocle che lo perseguita spesso per tutta la vita.

Non si vuole qui demonizzare, a tutti i costi, un sistema che dovrebbe creare semplificazione, ma lo si vorrebbe rendere meno rigido, soprattutto verso quei consumatori che vengono classificati come “cattivi pagatori” per qualche ritardo, a fronte degli enormi sacrifici che ogni giorno affrontano da soli (o con famiglia a carico), per tirare avanti. È, davvero, una vergogna! L’ennesima italiana.


 


Altre Notizie su

Sociale > Come spada di Damocle






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839