Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Pr. Tirrenica > Esperienze teatrali in Rometta

 lunedì 9 dicembre 2013

ANNI ‘50 DEL SECOLO SCORSO

Esperienze teatrali in Rometta

di Nino Ioli


alt

In Rometta, esisteva ed esiste tuttora una tradizione impegnata a presentare spettacoli teatrali. Gli anziani ricordano, infatti, le recite di drammi e commedie ad opera di romettesi e, tra questi, non era dimenticato il ruolo di don Ciccio Saya. Inoltre, non posso non riferire che di solito nelle domeniche degli anni ‘40 venivano date delle recite da parte di una filodrammatica rappresentata, egregiamente, da Peppino Midiri, Nino Saccà, Nino Midiri, Aurelio Visalli ed altri. Memorabili sono rimaste le Rappresentazioni de I due gobbi, liberamente tradotti dai Menecmi, di Plauto, e di altri lavori. Ricordo uno spettacolo San Giovanni decollato, di Martoglio, in cui eccelsero, tra gli altri, il notaio Andrea Saya, nella parte di mastro Austinu e Teresa Visalli (Lona). A mio modesto giudizio, si è trattato di un’ottima prova della commedia, tra le più complete che io abbia visto. Per tutte le recite veniva utilizzato il teatro annesso al convento delle Suore Stimmatine.

E fu così che, animati da vivo interesse, negli anni ‘50 del secolo scorso, il sottoscritto ed altri coetanei (Peppino Rizzo, Santo Ciotto, Gino Bosurgi, Peppino Pollicino, Nino Cavallaro, Paolo Giordano) convenimmo di dedicarci all’Arte teatrale. Ci improvvisammo persone di teatro pur non avendo avuto una guida sicura e, fra tutti, il sottoscritto era l’unico ad avere avuto un’esperienza teatrale, avendo svolto una particina in una tragedia liberamente tratta dalle opere di Dumas, a cura del prof. Dionigi Sardo che ne era il regista. Per le nostre rappresentazioni utilizzammo il teatro comunale restaurato dal sindaco pro tempore, l’avv. Pasquale Midiri. L’input ci venne dato dalla presenza, in Rometta, di una compagnia teatrale che ha offerto delle prove esaltanti ed interessanti. Il regista di tale compagnia era Renato Pinciroli che, in seguito, formerà una compagnia stabile di prosa che ha ottenuto notevole rinomanza in Sicilia. Tra gli attori, ricordo Lia Guazzelli e Luigi Carrubbi. Venne presentata, dalla suddetta compagnia, una tragedia del D’Annunzio (La fiaccola sotto il moggio) e diverse commedie, in una delle quali il sottoscritto ha svolto la funzione di un violinista e mia sorella, Maria Gianna nella parte di una bambina che ritrovava la sua mamma, che chiuse l’intera recita dicendo: “Mamma, tu sei la mia mamma? Mi hanno detto di chiamarti mamma….

Relativamente alla nostra attività, decidemmo di portare sulla scena la riduzione di una commedia di Moliere Le medècin lui malgrè. Arricchiva il nostro “cast” Nino Saccà, il protagonista, che aveva una buona esperienza teatrale. Aurelio Visalli si era rivelato brillante rammentatore. La commedia che ricordo, in particolare, è quella che aveva per titolo Ci penso io, in cui si distinsero Nino Cavallaro e il brillante Paolo Giordano. Chiudeva la commedia una farsa intitolata Fasolino Stortarellii, affidata alla capacità d’improvvisazione di Ciccio Patti. Noi eravamo felici di far parte di un gruppo che aveva svolto una sana attività culturale, al di là dei modesti successi raggiunti, ma, soprattutto, eravamo sereni, non pensavamo ai piaceri, vizi e voluttà. Come accade a tutte le vicende umane, il gruppo si sciolse. Nel nostro animo, è rimasto il ricordo di un felice periodo dell’adolescenza, ricco di emozioni, che, ancora oggi, a distanza di decenni, è accompagnato da dolce e serena commozione.


 


Altre Notizie su

Notizie > Pr. Tirrenica






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839