AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Media > Nel cortile dei Gentili l’eterno conflitto tra fides e ratio

 mercoledì 20 novembre 2013

CORRADO AUGIAS – “INCHIESTA SU MARIA”

Nel cortile dei Gentili l’eterno conflitto tra fides e ratio

di Rachele Gerace


alt

Venerdì 15 novembre u.s., presso l’Auditorium del “Palacultura”, Corrado Augias ha incontrato gli studenti e i docenti dell’Istituto d’Istruzione Superiore “La Farina-Basile”, per presentare il suo ultimo prodotto editoriale, intitolato Inchiesta su Maria, scritto a due mani e in forma dialogica con lo studioso di mistica Marco Vannini. Protagonista la figura di Maria, all’interno della Chiesa Cattolica. Una figura che è marginale nei Vangeli canonici, poiché dice solo tre frasi in tutte le scritture e compare solo di sfuggita anche negli Atti degli Apostoli e nelle Lettere di San Paolo scritte nei primi secoli dopo Cristo; le uniche testimonianze della sua vita si devono ai vangeli cosiddetti apocrifi, che non vengono inclusi tra i testi sacri, perché frutto, certamente, di rielaborazioni successive e perché intrisi di leggende e di credenze popolari.

Augias descrive il travaglio della dottrina e le dispute teologiche che avvengono all’interno del Concilio di Efeso, del 431 d.C., tra Nestorio che vorrebbe Maria Cristotokos (Madre di Cristo) e Cirillo che la vorrebbe, invece, Theotokos (Madre di Dio).

È naturale, però, chiedersi cosa spinge laici e atei ad avvicinarsi alla religione indagando, ponendo e ponendosi degli interrogativi? “Innanzitutto, l’approfondimento di questi temi – confessa Augias – nasce da una curiosità intellettuale, poiché chi ha fede crede, indipendentemente, dalla ragione e dalla forza ideologica. In secondo luogo, sono stato attratto dalla figura di questa giovinetta sedicenne che si spoglia, completamente, dell’‘amor sui’ per consacrarsi, completamente, all’‘amor Dei’. Stiamo vivendo, comunque, un momento di riformismo che coinvolge anche la Chiesa, con un Pontefice che sembra che voglia riportarla alla purezza delle origini e questo mi sembra un segno di apertura cui, anche da laici e da atei, bisogna rispondere e, quindi, seguire questa riforma con attenzione”.

L’autore, inoltre, non risparmia i cattolici di “approssimazione e sconoscenza di quella che è una delle più grandi religioni dell’umanità”.

Si tratta di un testo, certamente, interessante dal punto di vista storico, preciso nella citazione delle fonti e con uno stile chiaro e sintetico, in cui, tuttavia, manca (o, forse, viene omesso, volontariamente) il riferimento ad un’autentica e attuale riflessione mariologica e alla realtà di un popolo che oggi, nel nostro presente, cerca attraverso la fede ragioni di vita e di speranza.

Augias ci ricorda che la religione resta un prodotto della storia tanto da risultare, spesso, poco lineare e piena di contraddizioni, frutto di Concili che si sono annullati a vicenda, con piogge di scomuniche e turbinose eresie, battaglie ideologiche e veti incrociati. A che pro, dunque, spiegarci i dogmi e la complessità della figura di Maria? Di sicuro per ricordarsi, che fede e ragione camminano, sempre, su due binari paralleli e che bisogna saper deporre gli strumenti della ragione per fare il grande salto nel vuoto, accettando la grande scommessa della fede?

Si tratta forse di ampliare la nostra idea di razionalità, affinché la ragione possa incontrare, efficacemente, la Verità. Già i Padri della Chiesa, dopo gli scritti del Nuovo Testamento, avevano “ampliato” il concetto di ragione, cioè il lògos dei Greci, di matrice platonico-stoica, per esprimere così il Lògos della predicazione cristiana, la seconda Persona della Trinità Beata, il Figlio di Dio divenuto carne nel grembo di quella Fanciulla pura. Alle profonde radici di quest’ampliamento della ragione risiede la scelta netta della fede cristiana primitiva; Papa Benedetto XVI, durante il simposio europeo del 7 giugno 2008, aveva affermato: “La fede cristiana ha fatto la sua scelta netta contro gli dei della religione per il Dio dei filosofi, vale a dire contro il mito della consuetudine per la verità dell’essere”.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Media






 
Sostenitori
 
 
© 2011/20 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839