Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Recensioni > Franco Bastreghi – “Il Figlio di Amparo”

 mercoledì 9 ottobre 2013

RECENSIONI LIBRARIE

Franco Bastreghi – “Il Figlio di Amparo”

di Domenica Timpano


alt

Abbiamo studiato l’Inferno, di Dante Alighieri, popolato da dannati e demoni, il cui ricordo ancora ci inquieta, ma c’è un altro inferno che ci presenta lo scrittore Franco Bastreghi per farci partecipi di una vicenda surreale e al limite del paradosso, che sovverte gli schemi di una narrazione tradizionale. Bastreghi, è superfluo dirlo, non ha la minima intenzione di entrare in competizione col grande poeta, non scrive in versi e, piuttosto che scuoterci, vuole regalarci una lettura ricca di innumerevoli spunti umoristici, ironici e di piacevolezza, iniziandoci ad un nuovo stile da lui elaborato, in lunghi anni di studio. La sfida di Bastreghi è stata quella di creare un ideale di scrittura che non asseconda mode correnti per temi trattati, né la tradizione letteraria, per stile. La sua ambizione, pienamente, soddisfatta da numerosi riconoscimenti ottenuti, e il suo coraggio lo hanno spinto a giocare con le parole, a inventarne di nuove, a scardinare il periodo per renderlo giocoso, a remare contro l’opinione comune, a creare ambienti e personaggi che attraggono perché portatori di novità e fantasia.

Ne Il Figlio di Amparo, ennesimo romanzo pubblicato, il protagonista, Giannino, nell’inconsueto ruolo di “Angelo in prova”, che dovrà affrontare tre prove per conquistare quello definitivo di “Angelo”, ci conduce in “un mondo” sotterraneo, parallelo al nostro, dove avviene l’impensabile. In un contesto immaginario, incontriamo avvocati, caporioni e sindacalisti, dannati impiegati in lavori senza retribuzione, moto Guzzi che sfrecciano negli oscuri meandri, tram stracolmi di facce da ladro e camorristi e tanto altro che non si svela, per non togliere al lettore il piacere della scoperta.

Nell’inferno di Bastreghi, i personaggi si presentano nelle sembianze più disparate, con un’identità celata, castigata nelle più svariate forme e nelle situazioni più bizzarre, ma sempre addestrati e pronti alle furbizie e ai raggiri, alle astuzie e alle cautele.

La storia raccontata, fatta di episodi incalzanti, che stimolano, continuamente, il lettore, si svolge in un Inferno che, privato dei toni drammatici, si presenta ricco di “effetti speciali” che stupiscono e affascinano.

Si familiarizza, in breve, con la madre di Giannino che si prodiga per “sanare” incaute azioni del figlio che potrebbero costargli pene severe, con Amos, il timoniere che ha sostituito Caronte che, ormai vecchio, è andato in pensione, con Tuna , una bellissima donna che fa invaghire di sé molti uomini e ancora con Pirzio, Lucilla, Minguzzi, Piscopo, Ampàro e, persino, con l’indimenticabile Tarzan, protagonista anch’egli di una singolare circostanza.

Prova godimento il lettore, che già conosce la bravura di Bastreghi, per la vivacità dei dialoghi, intessuti d’ilarità, intesi a schernire l’interlocutore, a disorientarlo per prevalere su di lui, a scardinare certezze, a creare un’atmosfera, un “universo” dove il gusto della battuta prevale sull’intreccio e sul tessuto che si dipana ai limiti dell’assurdo. La lettura del libro di Bastreghi non è facile. Di primo acchito, il lettore che non conosce la sua estrosità può rimanere disorientato dalla sua scrittura, dai dialoghi surreali, dai lunghi periodi che non lasciano prendere fiato, dai bizzarri neologismi, dalla mancanza di una trama, ma una volta presa confidenza con le sue pagine, con la musicalità di alcuni brani, la stravaganza dei personaggi, il piacere della lettura e il divertimento sono assicurati per chi s’inoltrerà in quel mondo, strizzando l’occhio alla cultura e alle sorprese, offerte da una scrittura intelligente e brillante.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Recensioni






 
Partner
 
 
© 2011/19 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839