AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > I Tesori di Messina > Una preziosa testimonianza su Giorgio La Pira della sua biografa Elena La Fauci Di Rosa

 giovedì 22 gennaio 2015

IL PERSONAGGIO

Una preziosa testimonianza su Giorgio La Pira della sua biografa Elena La Fauci Di Rosa

di Alfonso Saya


alt

Elena La Fauci Di Rosa, mia carissima amica, che ha scritto, in occasione del Centenario della nascita di Giorgio La Pira, la sua biografia in versi dialettali messinesi, mi ha raccontato che l’ha molto colpita un episodio. Un giorno andò al Monastero di Sant’Eustochia e le aprì una suora, che così le disse: “Ora le faccio vedere una persona…”. Le aprì una porta, che conduceva alla Chiesa annessa al Monastero, e le sussurrò: “Guardi quel signore inginocchiato davanti al Tabernacolo. Lo sa chi è? È l’on. Giorgio La Pira, lo zio dell’Abbadessa, suor Maria Fortunata, è il Sindaco di Firenze, lo chiamano Santo e si vede che lo è!”.

Se ne stava lì, in ginocchio ed immobile, come fosse in estasi, davanti al Tabernacolo. Oggi, non si vede nessuno stare in ginocchio, in adorazione, e questo mi ha portato alla memoria il Santo Curato d’Ars che stava così davanti al Santissimo e diceva: “Io guardo Lui e Lui guarda me!”. “Per me – conclude Elena – questa visione è stata edificante. Giorgio La Pira, evidentemente, era in intima comunione con il Signore, tanto da non accorgersi del tempo che passava, questo episodio è la prova del nove della sua santità”.

Elena La Fauci Di Rosa, scrittrice, pittrice e poetessa, ha impreziosito, come un suggello, la lunga testimonianza della nipote di Giorgio La Pira, suor Maria Chiara, Abbadessa del Monastero di Montevergine, presso cui avvenne la “folgorazione”, cioè la conversione improvvisa dello zio, una bellissima lirica, in omaggio della suddetta Abbadessa. Questa lirica è stata ispirata dal suono dell’organo prodotto, con “slancio e tocco divino”, dalla Madre Abbadessa che eleva “in Alto il suo spirito celestino e suona di vero cuore, dall’appartato coro, ed assapora aneliti di volo”. Quel suono, nel mistico silenzio della Chiesa, dove troneggia Sant’Eustochia Smeralda, la Perpetua Abbadessa col suo Corpo incorrotto, da cinque secoli, fa vibrare palpiti reconditi d’immenso sentimento. E la poetessa, come si evince dalla bellissima lirica, viene coinvolta ed affascinata da quel suono celestiale.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > I Tesori di Messina






 
Sostenitori
 
 
© 2011/19 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839