Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Pr. Jonica > Un gioiello architettonico nella Valle dell’Agrò

 lunedì 23 settembre 2013

ABBAZIA DEI SS. PIETRO E PAOLO

Un gioiello architettonico nella Valle dell’Agrò

di Paola Saladino


alt

Risalendo dal mare verso il monte Sant’Elia, il torrente Agrò, che divide Santa Teresa di Riva da Sant’Alessio Siculo, improvvisamente, sulla sua sponda destra mostra l’Abbazia dei SS. Pietro e Paolo.

Il tempio, maestoso e solenne, domina un paesaggio immerso nel silenzio. Costruito dai Basiliani, intorno al V secolo e durante il periodo della presenza dei greci-bizantini in Sicilia, distrutto dagli Arabi, venne riedificato nel 1172 dal conte Ruggero II che accolse le preghiere del monaco basiliano Gerosimo. Accanto all’Abbazia sorgeva un grande monastero che, come i monasteri latini nel resto d’Italia, era centro di studi artistici, scientifici, umanistici e di sperimentazione agricola con grande beneficio della popolazione circostante. Ma, nel 1794, i monaci abbandonarono il sito sia a causa “dell’aria insalubre”, perché si coltivava il lino e l’aria era contaminata dalle acque pestifere, che a causa “del franoso suolo”.

Restaurata di recente, dopo lungo abbandono, l’Abbazia è una sintesi armonica dell’arte bizantina, araba e normanna. Prodotto del connubio perfetto tra fede ed arte essa è, senz’altro, uno tra i monumenti più importanti della Sicilia.


 


Altre Notizie su

Notizie > Pr. Jonica






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839