AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Riflessioni > Monsignor Angelo Paino: una vita dedicata al prossimo

 sabato 22 febbraio 2014

UOMINI ILLUSTRI

Monsignor Angelo Paino: una vita dedicata al prossimo

di Alfonso Saya


alt

Il 29 luglio 1967 moriva, a 97 anni, l’arcivescovo mons. Angelo Paino, nel seminario di Giostra, in Messina. Moriva in una povera stanzetta, Lui che era tanto prodigo verso gli altri, poiché praticava l’umiltà che è la virtù regina del Cristianesimo. A tal proposito, l’indimenticabile on. Bonino, editore del quotidiano “Gazzetta del Sud”, nel periodo della sua malattia, in una sua visita, non credeva, assolutamente, che quella fosse la stanza di un monsignore e se la prese con tutti quelli che gli stavano attorno, accusandoli d’insensibilità perché lo tenevano in un ambiente talmente indecoroso.

La figura di mons. Paino, nel tempo, s’ingigantisce, si staglia sempre più, prende contorni sempre più netti, si ravviva nella memoria dei messinesi. “Se tacessero gli uomini, parlerebbero le pietre”, ebbe a dire il card. Ruffini, nel corso dell’omelia pronunziata in Cattedrale, in occasione del cinquantesimo anniversario del suo Episcopato; “Egli vivrà” – aggiunse ancora il cardinale – “anche dopo la morte, perché le sue opere continueranno a cantare le sue lodi”.

Basterebbero solo due opere, sarebbe troppo lungo enumerarle tutte, per ricordarlo: la Madonnina del Porto (non sapeva chiudere la giornata, il grande Pastore, senza averLa salutata e averLe chiesto, dalla finestra del seminario di Giostra, la Benedizione per sé e per i messinesi), che è un monumento di Fede ed è diventato il Simbolo della città, e l’orologio del Duomo, che è un richiamo per i turisti e racconta la storia di Messina.

Monsignor Paino nutriva un grandissimo amore per la città di Messina che ha fatto risorgere dalle macerie del terremoto e dalle rovine della guerra e l’ha voluta sempre più bella e più grande. Si può definire, quindi, il più grande benefattore di Messina. I messinesi dovrebbero ricambiare quest’amore ed avere un debito di riconoscenza. Sulla sua tomba, che non poteva avere sede più opportuna del Duomo che l’ha fatto risorgere due volte, dovrebbe palpitare il cuore di Messina.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Riflessioni






 
Sostenitori
 
 
© 2011/20 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839