Oggi è 
 
 
   

 domenica 10 maggio 2015

POESIA

Li to’ mani

di Lillo Centorrino


alt






Su’ petali di rosa li to’ mani,
quannu tutti i matini
m’accarizzi e t’avvicini.

Mani di donna,
mani di mamma,
mani chi dannu luci a li me iorna.

Cauddi e picciriddi,
lisci e ciauriusi,
quannu mi li passi n’te capiddi.

Travagghiunu di iornu,
lesti e sicuri
tra pinni, libri e nu quadernu.

Mi parrunu li to’ mani..,
quannu m’i n’zonnu n’to me’ lettu,
si nui semu luntani.

Mani di fimmina priziusa,
bedda, n’triganti e fina,
ma fimmina ardita e curaggiusa!

Amuri, chi sunnu li tò mani?
Pi mia su’ paradisu
di ieri, oggi e pi dumani..

Di li to’ mani un gestu,
nu richiamu, nu salutu, nu signali..
e ti raggiungiu lestu!

Senza paroli, senza di na’ vuci,
unciemu i nostri manu
e ritti, avanzi annamu:
l’amuri ni cunnuci!


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Poesie






 
Partner
 
 
© 2011/19 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839