Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Polizie e Forze Armate > GIORNATA DELL’UNITÀ NAZIONALE E DELLE FORZE ARMATE IN MEZZO AD ERBACCE E PIANTE INCOLTE

 martedì 13 novembre 2012

RIFLESSIONI

GIORNATA DELL’UNITÀ NAZIONALE E DELLE FORZE ARMATE IN MEZZO AD ERBACCE E PIANTE INCOLTE

di Domenico Interdonato


alt

Domenica 4 novembre c.m., è stata celebrata la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate, e con la deposizione delle corone di alloro è stato reso omaggio al monumento ai caduti di tutte le guerre. Alla cerimonia erano presenti tutte le autorità militari, civili e religiose della città; gli onori sono stati resi da un picchetto armato con le rappresentanze delle Forze Armate.

L’uscente prefetto di Messina, dott. Francesco Alecci, ha letto il messaggio inviato dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. I momenti solenni sono stati scanditi dalla banda musicale della brigata “Aosta”. Presenti alla cerimonia tutte le associazioni combattentistiche e d’arma, a cominciare dal gonfalone del Nastro Azzurro, si è notato in piazza, anche, il gonfalone del Liceo “Felice Bisazza”, con la preside e una nutrita rappresentanza.

Con la cerimonia si è voluto evocare, o, meglio sottolineare, la stretta relazione esistente tra l’evento storico evocato e le Forze Armate del nostro Paese. Esattamente, 94 anni fa aveva termine la “Grande Guerra”, un evento che ha segnato in modo profondo e indelebile l’inizio del ‘900.

Con la vittoria conseguita si completò il lungo e complesso processo di unificazione del territorio nazionale. In particolare, la guerra produsse tra gli italiani l’inizio di una unificazione non più, semplicemente, amministrativa e politica, ma reale, effettiva, di popolo, che trovò riscontro negli innumerevoli esempi di patriottismo ed eroismo, di cui si resero protagonisti i soldati italiani, provenienti da tutte le regioni.

Da allora, questa data vuole rendere omaggio alle nostre Forze Armate e, in modo particolare, a tutti coloro, che hanno sacrificato il bene supremo della vita per un ideale di Patria e di attaccamento al dovere; valori immutati nel tempo per i militari di allora, come per quelli di oggi.

La città di Messina ha dimostrato vicinanza alle Forze Armate. Anche, quest’anno alcuni commercianti del centro storico hanno offerto le loro vetrine per varie esposizioni; passeggiando per il viale S. Martino si sono viste alcune vetrine addobbate con materiali storici e attuali forniti dal 24° Reggimento artiglieria “Peloritani”; a piazza Cairoli, l’elegante vetrina curata dalla Guardia di Finanza, inoltre, per le altre vie del centro è stato possibile ammirare le vetrine delle altre Forze Armate presenti in città.

Quest’iniziativa è una tradizione, che si rinnova, sempre, in occasione del 4 novembre; un modo diverso per ricordare la ricorrenza della fine della Prima Guerra Mondiale.

Un 2012 da ricordare, per Messina. Duole il cuore vedere il monumento dedicato ai “Caduti” e l’intera piazza Unità d’Italia circondata da erbacce (la stessa cosa si è verificata in occasione del 2 giugno). Anche, la nostra bandiera si è dovuta districare in mezzo ai rami incolti di buganvillea.

Il colmo è che nessuno nota il degrado esistente. Si vede che, a furia di stare in una città in continua emergenza, la gente pensa che questo forse.. ne è il male minore.


 


Altre Notizie su

Notizie > Polizie e Forze Armate






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839